TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

Benjamin-Isidore-Juveneton-insta
1

Enchanté

 La Cité de la Mode et du Design è uno dei luoghi meno parigini e più londinesi della città (senza che nessuno, di qua e di là, si offenda). Negozi di design, street food, il museo de l’Art Ludique (che in questo momento ospita la mostra L’art des super-héros Marvel). E, fino ad agosto, Enchanté,…

Continue Reading

3

Lo sprezzo del pericolo

 E poi cammini per la città e ti imbatti in questo (attenzione al finale, come dire, spericolato):         C’è chi applaude, chi punta i propri iPhone, chi legge il testo da un foglio a4, la gente intanto esce alla spicciolata dalla chiesa accanto, altri leggono seduti al tavolino del bar, incuranti del…

Continue Reading

21

Totuccio! Totuccio!

 Esco dal portone, le quattro e mezza del mattino. Per strada non c’è nessuno, giusto un po’ di tepore carico di promesse. Cammino qualche centinaio di metri, fino alla stazione dei taxi. Ce n’è solo uno, spento. Mi avvicino, guardo dentro e vedo un signore, il tassista?, che dorme. In quel momento, dall’altra parte della…

Continue Reading

19

Palermo, Parigi, le strisce, il semaforo

 No, tutto il mondo non è paese.   Certo che le persone hanno un approccio proprio curioso alla strada, alle macchine, ai semafori, ai marciapiedi. A Roma, per esempio, siccome le persone hanno deciso che devono camminare in mezzo alla strada che fa più strafottenza, i marciapiedi non vengono usati come peraltro il nome suggerirebbe…

Continue Reading

9

Notte buia alla corte di Francia

 Una settimana fa, io, piazza della Bastiglia, di sera, migliaia di genti, genti festose, allegre, si beve, si balla, si festeggia il trentennale dell’elezione di François Mitterrand, era il 10 maggio ieri, è il 10 maggio oggi, le signorine attorno alla piazza distribuiscono giornali d’epoca, prendete è gratis, c’è un concertone, anche Paris ha il…

Continue Reading

10

Non porti più i calzini bella bionda

 Lo dicono al telegiornale, niente fa media, in questi giorni, forse più avanti, tra qualche mese, quando sommeremo il passato al passato, e i numeri torneranno indietro, una resa di stupore e di vetri che si levano e finestre che si aprono e tutto assume un unico sapore suono senso: esibizione. La luce, non più…

Continue Reading