TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

Mad Men Italy
6

Quando le tue serie preferite vanno a Roma

 

Mad Men Italy

 

Mad Men 3×08, Souvenir

 

Romeward Bound

 

How I Met your mother 8×21, Romeward Bound

 

 

In una vecchia puntata di Mad Men Don e Betty vanno a Roma. Mentre Don è impegnato a fare il Don, Betty ci sorprende con un discreto italiano che evidentemente Matt Weiner le ha inculcato a colpi di assimil sulle gengive: risponde al telefono dell’albergo con un grazioso “Pronto?”, ringrazia il fattorino che si complimenta con lei con un perfettibile “Molto gratzi”.
La sera poi, una Betty meravigliosa-come-non-lo-sarà-più, si siede al tavolino del bar. Mentre in sottofondo dei bambini urlano “Stiamo arrivando!” e la marca Cinzano fa bella mostra in secondo piano, due vitelloni iniziano a broccolarla. Uno dei due, in perfetto italiano (con accento regionale) le dice che a Roma è illegale bere da sola e lei fa la ritrosa (“Ma è legale infasteedeeri una donna?”). Poi arriva Don che fa finta di non conoscerla e i due inizano a flirtare. I vitelloni allora esortano Betty a lasciar perdere Don (“È vecchio! E pure brutto!”) ma poi se ne vanno sconsolati, ben sapendo che i due sconosciuti Betty e Don finiranno a letto assieme (alla fine lui  le regalerà un ciondolo a forma di Colosseo e lei, amara, chiuderà la puntata: “Così avrò qualcosa da guardare quando racconterò la storia di quando siamo andati a Roma”).

 

Ho ripensato a Betty, e all’Italia, mentre guardavo ieri sera How I met your mother, e quell’attrice soi-disant italiana (Jocelyn Osorio, Bellissima) recitava delle battute in un non-italiano più o meno credibile. Non tutti sono Matt Weiner (che non avrebbe mai permesso uno scivolone come quello su Ok il prezzo è giusto), ma non tutti sono How I met your mother.
Perché se è vero come è vero che fa sempre impressione, da italiani, vedersi rappresentati (male, o al massimo con poca fantasia), è anche vero che bisogna sempre tenere in considerazione una cosa che spesso dimentichiamo e che cancella ogni offesa a morte: le serie americane sono innanzitutto rivolte agli americani. E gli americani del lunedì sera Cbs, degli italiani, sanno, o pensano di sapere, alcune cose.

 

Così è normale che Marshall faccia la pasta all’uovo, che tutti si bacino sulle guance (anche se i francesi si baciano molto più degli italiani, è pacifico) e che in “angsty existential black-and-white italian movie” la bonazza di turno si rivolga languida a Marshall supplicandolo di andare a vivere in Minnesota “vicino a tua madre, dove imparerò la ricetta sullo sformato al prosciutto” (Ham casserole).
Ma How I met è anche di più: Kyle Maclachlan che può scatenarsi con il suo “Gigi…alla porta!”, il non-sense di “Gino Cavallini è venuto sul piumino” o di “I spin my plate of scuncigli“, il “MARONN” che molti dal Colossìo in giù abbiamo spesso pronunciato, e il gioco di parole Bogart/Mastroianni che se ne frega dell’americano medio (e qua sarebbe interessante sapere se e quanto gli autori hanno dovuto lottare per ottenerlo): “Don’t bogart all the funions” (non arraffarti tutti i funions) diventa “Non mastroianni tutti i funions”. Forse non immediatamente intellegibile ma pur sempre in perfetto Himym-style. 

 

Per non parlare (e qui mi rivolgo a me, te, noi) dei picchi di vertigine quando Marshall dice a ripetizione “Fratello, non mastroianni tutti i funions” e intanto i sottotitoli americani dicono altre cose e quelli italiani altre ancora: ragazzi, io un episodio in trasferta sulla Tiburtina me lo guarderei volentieri. 

 

Betty Draper bella come non lo sarà piùGino Cavallini è venuto sul piumino?How I met your motherI split my plate of scuncigliLily e Marshall sulla TiburtinaMad menMatt Weiner non avrebbe mai permesso la pecionata di Ok il prezzo è giustoMolto gratziNon mastroianni tutti i funionsRiguardare vecchie puntate di Mad Men è forse più Mad Men ancora di guardare nuove puntate di Mad Men

TuttoFaMedia • aprile 17


Previous Post

Next Post

Comments

  1. Silvia aprile 17 - 14:55

    Betty Draper bella come non lo sarà mai più. Amen to that.

    Sono con te nei luoghi comuni degli ammericani sul divano davanti alla Cbs, ma che diavolo, non ci vogliono chissà che casting per trovare una bona che parli italiano. Eh.

    Ps- piansi scabrosamente sui funions.

  2. TuttoFaMedia aprile 17 - 15:02

    *Silvia: hai perfettamente ragione, anche perché il piazzista l’hanno scelto bene. Se fossimo italiani a questo punto diremmo: chissà con chi va a letto la tipa. Ma non siamo italiani, quindi.

  3. L. aprile 17 - 15:04

    My two cents (di euro): secondo me anche la frase di “Ok il prezzo giusto” è studiata e voluta, tipo “facciamo che suoni italiano e intanto diciamo una cosa che lo Standard & Practice ci corcherebbe di mazzate per anni, tanto non se ne accorge nessuno”.
    O confido troppo nei due simpatici cazzari Thomas & Bays? :)

  4. TuttoFaMedia aprile 17 - 15:23

    *L: ho pensato anche io che potesse essere messa apposta (o semplicemente come elemento di plausibilità), però i riferimenti simil-italiani erano schizofrenici: né del tutto cazzari, né del tutto fedeli, quindi non so. Bisognerebbe chiederlo direttamente a loro, anche se la puntata l’ha scritta un altro ; )

  5. anna aprile 17 - 18:50

    … ma dico, TFM, sei talmente avanti che hai fatto il giro…

    La puntata 3 della season 6 di Mad Men ci offre una delle scene più… crude (sentimentalmente parlando) della storia ambientandola in un ristorante italiano con camerieri italiani (perfetta pronuncia), con Don che non comprende il menu e la moglie del doc che ordina anche per lui… in italiano (perfetta pure lei).

    Vedere per credere e poi, ti prego, facci sapere.

    besos
    Anna

  6. TuttoFaMedia aprile 18 - 08:16

    *Anna: volevo fare riferimento al cameriere nel post, ma in effetti ho pensato che non erano a Roma, quindi : ) Magari in un post apposito. Stai tuned!

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>