TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

10

Il cupio dissolvi di Mediaset

 

Tempo fa, da qualche parte, ho letto questa teoria secondo cui l’obiettivo più profondo degli uomini politici non è la vittoria ma la sconfitta. Ci ho ripensato stamattina leggendo i dati auditel di ieri sera: Canale 5 e Centovetrine hanno fatto il 12,93%, Italia Uno e Chiambretti Sunday show il 5,16%. Ecco, se non la ritenessi un’assurdità, penserei sul serio che Mediaset si stia impegnando a fondo per rovinare tutto. Un’assurdità? Eppure le evidenze sono sotto gli occhi di tutti. Basta guardare la parabola dell’ultimo anno e mezzo, in cui è stato bruciato un tesoretto di affezione che durava da 30 anni. La muzika è davvero cambiata, la gente-da-casa sembra aver smesso di voler bene al marchio, e in alcuni casi lo rifiuta come fosse la peste (non a caso parlo di amore e di marchio). Se Raiuno, dopo un periodo opaco, è di nuovo in carreggiata (ridimensionata nel nuovo scenario televisivo post-tante-cose, ma sempre leader), l’immagine che restituisce Canale 5 è quella di un pugile suonato all’angolo del ring che guarda l’avversario e supplica: ti prego, dammi altre mazzate.

 

Togliendo i programmi nati nel secolo scorso o giù di lì, lo scenario è talmente disarmante che si fa fatica a crederci: nessuna innovazione, scelte di palinsesto illogiche, clamoroso ritorno alla differita-e-alla-registrata, magazzino talmente vuoto da far ricorso a repliche peraltro sospese dopo venti minuti, strategie di cortissimo respiro. Certo, la crisi, il budget, quello che volete. Ma i nanoshare non si spiegano solo così, lo sappiamo bene. Mediaset è un’azienda di professionisti uno meglio dell’altro. E allora? Da dove arriva questo improvviso cupio dissolvi? Qual è per esempio la ratio che sta dietro allo snaturamento di un prodotto come una daily-soap buttata in prime time come non ci fosse mai stata un’Agnese Nano? Che senso ha confermare un’offerta come quella di Chiambretti che tutti i segnali davano per perdente? Non sarà che mandare al massacro conviene (oggi) per giustificare (domani) decisioni impopolari? Ecco, se fossimo gente che vuole salvare il mondo cercheremmo delle risposte per capire e per aiutare, ma siccome siamo grandi fan del vivi-e-lascia-vivere, oh Mediaset, se ci tieni tanto a suicidarti fai pure, non saremo certo noi a fermarti.

Canale 5CentovetrineChiambretti Sunday ShowFlop A TrombettaMediasettelevisione

TuttoFaMedia • gennaio 23


Previous Post

Next Post

Comments

  1. Davide gennaio 23 - 14:22

    Amen.

    eph.

  2. Aliena gennaio 23 - 14:34

    Sarei felice di cacciare dall’armadio il mio miglior vestito da funerale, ma no, io non ci credo al suicidio, declini posticci per posticci individui e non ci si crede più (speriamo).

  3. pierpy gennaio 23 - 17:35

    Ci sono tanti aspetti da considerare. Gli ingenti investimenti in una pay per view che credo non sia mai decollata. Una forma di concorrenza giusto un pelo più efficace. Una programmazione tesa a spremere tutto lo spremibile dal passato, senza alcuna lungimiranza. Si potrebbe continuare per molto, ma il marchio non lo merita.

    P.

  4. Vlao gennaio 23 - 19:35

    No anzi… la pistola è nel cassetto del comodino! ;)

  5. QPR gennaio 24 - 01:38

    “come se non ci fosse mai stata un’Agnese Nano”.

  6. yetbutaname gennaio 24 - 12:29

    credo che me ne darò pace
    amen

  7. TuttoFaMedia gennaio 24 - 12:43

    *Infatti.

  8. Paola gennaio 24 - 20:55

    Eh dai, pur di non vedere mai più il leader in via di sparizione, sarei disposta a veder risorgere la sua televisione. Ma a volte la fine di un capitolo nella vita, significa la fine di tutti i capitoli. Bisous

    Paolà ( accentato alla francese come Carlà)

  9. AmicoAnonimo gennaio 25 - 13:22

    Chiambretti Sunday Show: terribile e disagevole accozzaglia di brutture semi-dilettantesche, mal montata e mal confezionata, a cui, pur essendosene essi stessi autori accorti a posteriori, non si è riusciti a dare una parvenza di dignitosa amalgama che la rendesse perlomeno trasmettibile. Immagino le ore e ore di registrazione e le ore e ore al montaggio (nadir del tutto: il “politicante” che incontra la ‘ggente) per arrivare ad un disastro del genere.
    Pierino, perchè? Noi ti vogliamo bene assai…

  10. Lucas gennaio 26 - 12:07

    Il problema e’ la classe dirigente di Mediaset. Dei servili e incompetenti yesman che in 10 anni hanno dilapidato un patrimonio di teste pensanti e di artisti per assecondare le volontà del suo narciso fondatore. Quindici anni fa a Mediaset ,Berlusconi era già in politica,convivevano Gori,Freccero e Franceschelli, lavoravano Santoro e la Dandini ma anche Sgarbi e Boncompagni e Costanzo. C’erano le possibilità per sviluppare idee nuove, talenti pensanti e artistici in grado di realizzarle. Una buona parte dei lavoratori di Mediaset,quelli che sono dietro le quinte,lo stanno facendo notare all’interno della struttura ormai da tempo. Ma i responsabili di quasi ogni settore sembrano sordi e ciechi. L’evidenza del pericoloso immobilismo preso dai vertici si e’ manifestato tutto insieme quest’autunno: ascolti disastrosi,zero idee e un ritorno al passato con programmi che da dirette sono diventati delle pietose registrate.Non so cosa succederà a Mediaset,sarebbe un peccato perdere completamente una realta’ lavorativa che con un valido cambio di gestione ai vertici potrebbe competere,anche senza aiuti, nell’attuale panorama televisivo. Un vero peccato.

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>