TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

14

Stereotipi ma chi l’ha detto: la baguette sotto l’ascella non esiste

 Ci sono stereotipi che non moriranno mai. E sono proprio quelli più lontani dalla realtà. Leggende metropolitane che qualcuno prima o poi ha messo in giro perché così gli diceva il cervello e bòn, tutti dietro in fila per sei con resto di due.   Sì, oggi parliamo ancora della bacchetta di pane. La baguette….

Continua

13

Noi, dolce parola, noi credevamo

 “Ehi, dai, vieni al Forum des associations italiennes al Marché Blanqui? Ci sarò fino alle 13!”   Sabato, un messaggio su Facebook, una mia amica che sta a Parigi da tanti anni. Il Marché Blanqui è su Boulevard Blanqui, nel tredicesimo, a un passo da Place d’Italie. È la mia prima Semaine Italienne. Arrivo verso…

Continua

23

Quelli che se una cosa non serve più la poggiano sul marciapiede, quelli che se la prendono e quelli che mai al mondo

 Se nelle vostre vite avete passato del tempo a Parigi, Francia vi sarete accorti che in molti quartieri, anche residenziali, vige curiosa abitudine: la gente, quando non ha più bisogno dei propri complementi d’arredamento o oggetti di casa, tipo mobili, sedie, lampade, frigoriferi, lavatrici, financo materassi, ecco invece di buttarli nei cassonetti o chiamare la…

Continua

11

Il paese più bello del mondo

 Non mi è chiaro quando sia cominciata la ben nota ostilità di molti italiani verso i francesi. Non so se risalga alla notte dei tempi, se abbia a che fare con quel gol di Trezeguet, con un non sempre immotivato senso di inferiorità che sfocia nell’indivia travestita da risentimento. Sta di fatto che la totalità…

Continua

15

Tous les soleils: Stefano Accorsi e Neri Marcorè, “deux italiens sont mieux que uan”

 (WARNING: questo è un post in cui sostieniamo che Stefano Accorsi è un bravo attore e rende orgogliosi gli italiani in terra transalpina. Sì, ce ne assumiamo ogni responsabilità). In Francia l’anno scorso sono stati prodotti 261 (duecentosessantuno) film. Tra questi, Tous le soleils, di Philippe Claudel, appena uscito nelle sale: What: Alessandro Regazzoni, 40…

Continua

32

Il francese parallelo detto VERLAN

 Sapete, io ci sto provando, davvero: pacchi di verbi, coniugazioni, eccezioni che non confermano una beatissima norma, mucchi di vas-y e se demanda-t-il, -t eufoniche, -s eufoniche, e le nasali, e le gutturali, e l’accento grave, e l’accento acuto, e il circonflesso che segnala la caduta di questa grandissima minchia!, e poi un giorno scopro…

Continua

10

Ma chi Ratatouille? Non ci fare caso, è nostro amico, non fa male a nessuno!

 Se -tipo anche solo sei mesi fa- mi avessero detto: guarda, un pomeriggio di marzo ti troverai in questo bistrot tutto rosso sciccosissimo, su tre piani, con i divani di pelle e le poltrone tipo Central Perk ma anche un bigliardino enorme per farci le partite, insomma qui a fare una riunione di lavoro la…

Continua

16

Io sono per la messa in discussione del diritto di espatrio

 Sotto casa mia c’è uno Starbucks. Ci vado spesso. È piccolo, carino, tranquillo, i ragazzi ci vanno a fare i compiti, le mamme a insegnare ai bambini la sana alimentazione, nell’aria c’è la musica di Natale quando è Natale, la musica di quasi primavera quando è quasi primavera. Soprattutto, non ci sono mai turisti. Oggi….

Continua

15

Meglio le buttane o la mafia?

 Stasera su la7 andrà in onda Il Divo. Pensando al film di Sorrentino mi è venuto in mente un episodio accaduto qualche settimana fa sulla tv francese e che poi mi era uscito di mente. France 2, quiz di mezzogiorno: Tout le monde veut prendre sa place. Argomento: politica internazionale. Domanda del conduttore Nagui (il…

Continua

1 2