TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

dischideiluoghi
7

Indie Fa Media 2011/2012 – La Playlist Dei Luoghi Del Mondo

    Per celebrare degnamente questo anno che inizia cosa c’è di meglio di una Playlist Dei Luoghi Del Mondo? (Altra pesca tra dischi del 2011) (Traccia per traccia o tutta assieme, come viene):      — LA PLAYLIST DEI LUOGHI DEL MONDO (00:40:11) — 1. Bon Iver – Calgary (04:13) 2. Beirut – Santa…

Continua

0

Volevo essere Boris Becker

 Undici anni, qualcosa in più, chiesi a mio padre Pà, il judo mi fa cacare, voglio iscrivermi a tennis. Mio padre, che già vedeva in me un campioncino di judo, judo chissà perché poi, mi ci aveva iscritto di peso, a judo, fece la faccia a labbrino, disse Vediamo, Poi Vediamo. Quel Vediamo era una…

Continua

6

Sole, pioggia, Martina N., Martina H., la danza dei raccattapalle di verde vestiti: cosa rimane di questo Roland Garros 2011

 Arrivare ai campi del Roland Garros è facile: basta prendere, da qualche parte, magari in un punto del sesto, la linea numero 10 della metro di Paris, scendere alla fermata Porte d’Auteuil e poi niente, non fare più niente. Soltanto seguire delle deliziose racchettine stampate per terra, sui gradini della metro e su su fino…

Continua

4

Non tutti i giugni riescono col buco: Francesca Schiavone comunque ammirevole, onore a Na Li

 L’anno scorso ero a Budapest, un sabato afoso, una bettola, una birra e Francesca Schiavone sul tetto del mondo. Quest’anno. Non sono abbastanza italiano – e scaramantico, e ricco – da rifare le stesse cose, stessi luoghi, etc. Però ero qui, qui nel senso di Parigi, casa mia, una tazza di fragole. Ero al Roland…

Continua

12

Ma chi sei, Boris Becker?

 Undici anni, qualcosa in più, chiesi a mio padre Pà, il judo mi fa cacare, voglio iscrivermi a tennis. Mio padre, che già vedeva in me un campioncino di judo, judo chissà perché poi, mi ci aveva iscritto di peso, a judo, fece la faccia a labbrino, disse Vediamo, Poi Vediamo. Quel Vediamo era una…

Continua

7

Francesca Schiavone di nuovo in semifinale al Roland Garros: va sotto, risale, precipita, risorge

 Il tennis è uno sport meraviglioso. Uno di quelli in cui le partite non sono partite ma storie, storie che se provi a raccontarle non ci si crede. Storie fatte di nervi, innanzitutto, e poi di sport. Storie di finali mai scontati, di destini che cambiano al minimo refolo di vento, di it’s not ovah…

Continua

10

L’incredibile impresa di Fabio Fognini, l’uomo che vinse zoppicando, si scusò con il pubblico ma non bastò

 Mi presi una pausa dall’autoreclusione in quella sala polverosa chiamata Cannes In Differita. Roland Garros. Tra pochi giorni il decenne che è in me, che avrebbe tanto voluto essere un campioncino in erba sulla terra rossa e invece no, avrà finalmente quel che si merita: un’intera giornata sui campi parigini. Saranno momenti. Intanto la giornata…

Continua

7

Gli scherzoni telefonici a Rafa Nadal (Serena Williams rimettiti dall’embolia)

 Non conosco bene il Belgio, ci sono stato due volte, sempre a Bruxelles. Ho visto lo stadio della tragedia, le fermate della metro tutte colorate, quella cosa strana fatta con le palle, il bambino piscione, ho mangiato ma soprattutto bevuto, la gente è allegra ma soprattutto sembra un po’ così: ignara del proprio domani. Ma…

Continua

5

Francesca Schiavone regala heroismi agli Australian Open e ora polpette di danese, grazie

 Certamente non la più talentuosa, certamente non la più precoce, Francesca Schiavone ha deciso di voler entrare nella storia di questo sport magnifico e il bello è che ci sta pure riuscendo. Quando si dice l’ostinazione. Dopo la vittoria al Roland Garros dell’anno scorso (che qui ben ricordiamo), adesso approda ai quarti degli Australian Open…

Continua

1 2 3