domenica 27 maggio 2012

Euphoria!


 

E come ogni anno arriva l’Eurofestival a ricordarci che in Europa si ascolta musica discutibile un po’ ovunque. E quando dico discutibile intendo proprio di merda e quando dico Europa intendo quegli asteroidi impazziti dei paesi balcanici e russofoni. Oh, sembra che si riproducano per gemmazione. Non finiscono mai. E poi, tutte quelle manfrine, tutti quei pompini a vicenda, che indignatija, veramente.

 

La questione, a non guardare i bookmakers, che pure ci hanno azzeccato, era di mero intreccio politic-cultural-pecionata. Riuscirà la mala sorte a prendersi gioco dei paesi meridionali (Grecia, Spagna et même l’Italie) costringendoli a raccogliere gli spiccetti – o a una clamorosa rinuncia – in caso di vittoria e di obbligo organizzativo? No. Peccato, io tifavo per loro. La greca Eleftheria Eleftheriou (sì, si chiama proprio così, già concorrente a X Factor Greece), che ha fatto vedere a più riprese le mutande per dimostrarci che no, noi greci non abbiamo le pezze al culo!, la spagnola Pastora – grande estensione vocale, diciamolo – e la nostra Maria Chiara Fraschetta. Tifavo per queste tre non per motivi musicali, chi se ne frega, ma solo per poterci ribellare a questo concetto di crisi ineluttabile e che ci ha portato, esempio, a dire che l’Azerbaijan si può permettere di organizzare un grande evento come questo e noi no. Ma che cazzo, oh.

 

Continua a leggere

 


    lunedì 8 settembre 2014
  • La rivolta delle librerie contro Valérie Trierweilermerci2 François Mitterand, quando era presidente, ha fatto un po’ quello che ha voluto, tra le lenzuola. Cose che in confronto François Hollande è un uomo semplice, leggermente sovrappeso, che cambia montatura degli occhiali ogni quindici anni, senza grosse pretese se non quella di governare la Francia in un periodo molto complicato. Va bene, erano altri continua...