mercoledì 18 gennaio 2012

La Classifica dei miei 15 film del 2011


 

E che ti devo dire. Il 2011, lo sai, è l’anno-che-mi-sono-trasferito-qui. Sono cambiate molte cose, soprattutto il mio rapporto con il cinema. Con l’andare al cinema. La tessera Ugc flat, la possibilità di scelta moltiplicata per mille sale, decine di film in uscita ogni settimana, centinaia di reprise. Un oceano di cose che improvvisamente diventano reali: impulsi, azioni, reazioni, sempre, comunque, quando mi pare. Credo di non essere mai andato così spesso al ginematò come in questo 2011. Con tutti gli effetti collaterali del caso, tipo sapere che là fuori c’è sempre qualcosa che aspetta, tipo che se aumentano le possibilità il tempo invece no, è sempre quello, tipo lo scarto algoritmico tra quello che voglio (tutto) e quello che posso avere (molto meno di tutto). (Dici che sembra una querimonia? No, ci mancasse, altrimenti me ne stavo al paesello).

 

E poi è cambiato il rapporto con i film, nel senso di film in lingua originale. Basta con la dipendenza dalla programmazione del Metropolitan di via del Corso, basta con le rughette della fronte a fine proiezione Eh Ma Chissà Com’era L’Originale In Farsi. No, qui le famiglie di doppiatori di padri, figli, cugini, ex premiate ditte non esistono. O meglio, ci sono anche i film doppiati, ma sono l’eccezione, te li devi andare a cercare con la lente d’ingrandimento sul Pariscope, e se lo fai ti meriti i film doppiati (male, i film doppiati sono sempre doppiati male, anche quando sono doppiati bene).

 

I miei 15 film del 2011

 

Dal Gran Cestone ho pescato i film usciti su suolo francese nel 2011 quindi c’è qualcosa che magari hai visto nel 2010 e qualcosa che magari vedrai nel 2012. A freddo qualche film non sarebbe in classifica, ma qua non stiamo parlando del freddo, stiamo parlando del caldo: ci sono film che ti entrano in testa e non se ne vanno, passano i giorni le settimane i mesi. Madamigelle e madamigelli, 15 film ci sono riusciti più di altri. Eccoli (3+12)

 

 

Seguono dettagli:

 

Continua a leggere

 


    lunedì 8 settembre 2014
  • La rivolta delle librerie contro Valérie Trierweilermerci2 François Mitterand, quando era presidente, ha fatto un po’ quello che ha voluto, tra le lenzuola. Cose che in confronto François Hollande è un uomo semplice, leggermente sovrappeso, che cambia montatura degli occhiali ogni quindici anni, senza grosse pretese se non quella di governare la Francia in un periodo molto complicato. Va bene, erano altri continua...