venerdì 13 aprile 2012

Pasta in brodo o forse minestrone ad andar bene un po’ d’affettaaato


 

Non solo Cristina D’Avena. In questi giorni ricorre il ventennale dell’uscita di Hanno ucciso l’uomo ragno, storico disco degli storici 883. Per celebrare l’evento, Rockit ha messo in piedi Con due deca, compilation di cover di alcune grandi hits ottoottotreiane, affidate per l’occasione a gruppi e solisti della scena indipendente italiana (qui streaming e download gratuito).

 

Ok, parliamo degli 883.

 

 

Nel 1992 ero già in età per comprarmi i dischi da solo. Inizialmente, a dire il vero, fu una cassetta. Farlocca, presa al mercatino di via Leonardo da Vinci. Cassetta che si incantava sempre alla fine del lato A e col dito poi dovevo riavvolgerla se volevo sentire anche il lato B. Cassetta talmente consumata che poi l’anno dopo comprai il compact disc originale (la pirateria uccide la musica? No) (Era il terzo cd della mia vita: il primo fu uno dei Cranberries, il secondo un best of di Michael Jackson) (Michael Jackson). Hanno ucciso l’uomo ragno era una cazzo di bomba. Lo ascoltavo, lo ascoltavamo, sempre, a scuola, a casa, nel walkman, ovunque. L’attacco, quell’attacco con le sirene, i tuoni, le cose, la copertina disegnata, quel buffo figuro di Mauro Repetto che ballava come un ragazzo di Non è la Rai se a Non è la Rai ci fossero stati anche i maschi, e quella roca voce di questo Max Pezzali.

 

Gli 883 piombarono come una scheggia impazzita sulle nostre pubescenze e niente fu più lo stesso.

 

Continua a leggere

 


lunedì 13 febbraio 2012

Indie Fa Media – La Playlist Che Ti Fortifica In Vista Di Sanremo


 

Sanremo c’è c’è stato ci sarà. Far finta di niente è inutile e controproducente, che fai solo un sacco di bile che la gente comunque ne parlerà alla macchinetta del bar o alla fermata dell’autobus, tanto più ora che è finito il freddo e di che riempiamo i vuoti? Quindi, tanto vale. Nell’attesa, una bella dose di roba immunizzante, in modo da scavallare anche questa settimana e arrivare dall’altra parte sani e salvi. 7 tracce, la Playlist Che Ti Fortifica In Vista Di Sanremo:

 

 

 

LA PLAYLIST CHE TI FORTIFICA IN VISTA DI SANREMO (00:33:06)

 

1. Pony Pony Run Run (France) – Just a song (00:03:48)
2. Portugal. The man (Portland) - Got It All (00:03:57)
3. Stuck In The Sound (Paris) – Brother (00:03:28)
4. Coeur de pirate (Québec) – Adieu (00:03:58)
5. Milagres (Brooklyn) – Here To Stay (00:03:11)
6. The Big Pink (London) – Stay Gold (00:03:54)
7. Colapesce (Siracusa) – Restiamo in casa (00:04:23)

 

 


lunedì 2 gennaio 2012

Indie Fa Media 2011/2012 – La Playlist Dei Luoghi Del Mondo


 

 

Per celebrare degnamente questo anno che inizia cosa c’è di meglio di una Playlist Dei Luoghi Del Mondo? (Altra pesca tra dischi del 2011) (Traccia per traccia o tutta assieme, come viene):

 

 
 


LA PLAYLIST DEI LUOGHI DEL MONDO
(00:40:11)

1. Bon Iver – Calgary (04:13)
2. Beirut – Santa Fe (04:05)
3. PJ Harvey – The Glorious Land (04:52)
4. Tennis – Baltimore (02:16)
5. Bill Callahan – America! (05:33)
6. Cage The Elephant – Aberdeen (02:58)
7. Ema – California (04:37)
8. Destroyer – Chinatown (03:44)
9. Baxter Dury – Hotel In Brixton (03:54)
10. Fink – Berlin Sunrise (03:59)

 


martedì 27 dicembre 2011

Indie Fa Media 2011 – La Playlist Dei Nomi Delle Persone


 

 

Anno molto fecondo, questo 2011. In attesa delle vere-classifiche-che-verranno, ecco una playlist che pesca in alcuni dischi molto ascoltati, qui su TFM. La Playlist Dei Nomi Delle Persone (si può ascoltare per intero, o traccia per traccia. La tecnologia).

 


LA PLAYLIST DEI NOMI DELLE PERSONE
(00:39:51)

1. Anna Calvi – Suzanne and I (04:13)
2. Baxter Dury – Claire (03:41)
3. Metronomy – Corinne (03:17)
4. M83 – Claudia Lewis (04:24)
5. Girls – Alex (04:59)
6. Yuck – Georgia (03:44)
7. Veronica Falls – Stephen (02:26)
8. Foster The People – Helena Beat (04:55)
9. Fruit Bats-Tony the Tripper (04:16)
10. Moriarty – Isabella (03:56)

 


lunedì 21 novembre 2011

Brevi compilationi per momenti di levità: Said The Whale, Dillon, Diamond Rings, Veronica Falls


 

dischi20-11
Brevi compilationi per momenti di levità:

1) Said The Whale, Canada, New Brighton, New Brighton

2) Dillon, Germania, This Silence Kills, Thirteen Thirtyfive

3) Diamond Rings, Canada, You&Me, You&Me

4) Veronica Falls, London/Glasgow, Veronica Falls, Come On Over

Altre compilationi per altri momenti di levità:
13-11: The Wave Pictures, E. Friedberger, Brigitte, Dirty Beaches
06-11: Gardens&Villa, Dum Dum Girls, We Are Enfant Terrible, Wu Lyf
30-10: Justice, Yuck, Little Dragon, Jonathan Wilson
23-10: The Rapture, Lily Wood&The Prick, Fruits Bats, The heart and the head
15-10: Feist, dEUS, The Drums, Bombay Bicycle Club

 


domenica 13 novembre 2011

Brevi compilationi per weekend: The Wave pictures, Eleanor Frieberger, Brigitte, Dirty Beaches


 

dischi 13-11

Brevi Compilationi Per Weekend
(Chi, Da dove, Album, Traccia)

1) The Wave Pictures, UK, Beer In The Breakers, Now Your Smile Comes Over In Your Voice

2) Eleanor Friedberger, Illinois, Last Summer, My Mistakes

3) Brigitte, France, Et Vous, Tu M’Aimes?, Battez-vous

4) Dirty Beaches, Canada, Badlands, Lord Knows Best

***
Altre Brevi Compilationi Per Weekend
06-11: Gardens&Villa, Dum Dum Girls, We Are Enfant Terrible, Wu Lyf
30-10: Justice, Yuck, Little Dragon, Jonathan Wilson
23-10: The Rapture, Lily Wood&The Prick, Fruits Bats, The heart and the head
15-10: Feist, dEUS, The Drums, Bombay Bicycle Club

 


giovedì 10 novembre 2011

Lana del Rey e con l’accento la sua bocca


 

Lana Del Rey

Lana del Rey è crasi di Lana Turner e Ford del Rey
Lana del Rey fu Elizabeth Grant, era Lizzy Grant
Lana del Rey è Video Games e Blue Jeans
Lana del Rey è “entre icône hollywoodienne et it-girl postmoderne
Lana del Rey è “a youtube pop sensation

Lana del Rey è Hollywood Sad Core e “self-proclaimed” Gangsta Nancy Sinatra
Lana del Rey è “a lot of speculation about your lips
Lana del Rey è perdita dell’innocenza
Lana del Rey è distillato d’hype
Lana del Rey è quando si rompe la macchina dell’hype
Lana del Rey è già rifatta da Kasabian, Bombay Bicycle Club
, Joy Orbison
Lana del Rey è Ringer e Gossip Girl

Lana del Rey è quella bocca, prominente, prolusiva, probativa, promettente.

 

 

Lana del Rey ieri è approdata in Francia, al Grand Journal (subito dopo un’altra “it-girl postmoderne”, Bernard-Henry Lévy, e alcuni discorsi, tanti discorsi, sull’Italia-che-tremare-il-mondo-fa). Nessuna parola, nessuna intervista, gocce d’hype. Solo il live di Blue Jeans, ça suffit (ça suffit!).

 


***

Altra tv di Francia: il noto scrittore James Franco parla del suo libro a Le Petit Journal

 

 


Post precedenti

    lunedì 8 settembre 2014
  • La rivolta delle librerie contro Valérie Trierweilermerci2 François Mitterand, quando era presidente, ha fatto un po’ quello che ha voluto, tra le lenzuola. Cose che in confronto François Hollande è un uomo semplice, leggermente sovrappeso, che cambia montatura degli occhiali ogni quindici anni, senza grosse pretese se non quella di governare la Francia in un periodo molto complicato. Va bene, erano altri continua...