mercoledì 29 febbraio 2012

On a bed of spaghetti


 

How I Met your mother 7×18: Karma (7,5)

 

 

Dear Diary, it is day four on this island, which the natives have dubbed “Long Island”, perhaps referencing how each hour here feels like it may never end… By “entertainment,” they mean table shuffle board, macramé classes, and other non-stimulating activities which are only used in Manhattan to calm down drug addicts and the criminally insane. A preliterate society, their menus display pictures of the food they offer, everyone is forced to sing “Happy Birthday” four or five times a meal, and dessert has fireworks in it. In their lairs, they often don a primitive shroud called a “Snugget,” and it is not uncommon for them to go to sleep before 9 p.m., fearing, as they do, the night. Also Diary, I think writing in you is stupid, but you were a gift from Lily, and she’s watching me right now.

 

 

Il menu con le foto stampate, “On a bed of spaghetti” (LoL), la coperta con le maniche (molta gente che legge questo blog ce l’ha: che dite, è così comoda?), il twist finale. Lodi lodi lodi. Ah, se Karma è la sposa io do la mia benedizione eh, sia messo agli atti (E alla fine arriva Karma!)

 

Robin intanto scala definitivamente la classifica: in questo momento, right here right now, hic et nunc, è il mio personaggio preferito di How I Met Your Mother.

 


lunedì 13 febbraio 2012

Fab comedy: il rarissimo esterno di The Big Bang Theory, nientemeno che un’inversione a U


 

Carissimi, dopo aver elaborato il lutto per l’improvvida sospensione di Community, ritorna l’inimitabile rubrica sulle Fab Comedy della settimana. 3 Cbs e 2 Abc. Posto che nella vita c’è di peggio tipo, che ne so, Italia’s got talent che fa nove milioni e il 35%, ecco, beh, insomma, senza Nbc non è la stessa cosa. Comunque. Sprazzi di creatività che vengono naturalmente da How I met your mother. Un rarissimo e stranissimo esterno in The Big Bang Theory, buttato lì a muzzo come se niente fosse: un’inversione a U che BOH.
Benediciamo e salutiamo l’ingresso tra le FAB COMEDY di 2 Broke girls, indiscutibilmente le uniche vere new girls dell’anno (chi vuol capire capisca). Poi Modern Family e Happy endings, stavolta in modalità Sacco Pieno.
Unendo puntini, invece:
gente che ride a crepapelle (Sheldon e Jay), gente che balla molto bene (Brad, Gloria, Cam), vecchie sitcom evocate (Tre cuori in affitto, Friends).

 

 

 

Continua a leggere

 


lunedì 16 gennaio 2012

Fab Comedy Special Edition Golden Globes 2012 Yawn Modern Family


 

Ciao amici e bentornati alla rubrica sulle comedy preferite del nostro cuore.
Oggi edizione speciale che ieri ci sono stati i Golden Globes. Dunque. Sono rimasto sveglio fino alle 3h48 aspettando una battuta davvero divertente di Ricky Gervais e sperando che Laura Dern non vincesse alcun premio. Sì, è successo. No, non è successo. Not cool. Poi sono andato a dormire. Stamattina mi dovevo alzare preso. Però ho fatto in tempo a vedere Madonna che sdraiava Gervais (“Perché non vieni qui? Non bacio una ragazza da anni, perlomeno non in televisione”) e, soprattutto, Zoey Deschanel e New Girl (quella schifezza di New Girl) andarsene via a mani vuote. Cool.

 

Il premio come miglior comedy è andato a Modern Family. Sai che novità. Certo, se hai come avversari New Girl e Enlightened, capisci bene. Anyway. Come abbiamo già detto, Modern Family non è mai eccellente né pessima, sta sempre in quel fazzoletto tra il più che sufficiente e il più che discreto, a seconda di quanto butti voci Sofia Vergara. Quindi va bene (però adesso basta premi, ok?). Per quanto riguarda gli attori protagonisti, già accennato a Laura Dern che si mette di traverso a Amy Poehler e vabbè, ci siamo ormai abitutati a tutte queste attrici del cinema che si chiamano Laura che vengono a scippare premi alle nostre heroine. Il miglior attore, secondo questi pazzi che hanno votato, sarebbe Matt Le Blanc. OK, STATE MALE. Per i non protagonisti invece c’era la Categoria A Muzzo che mescolava nani, ballerine, drama, comedy, documentari, docufiction di Daniel Toaff. Figuriamoci se Eric Stonestreet e, soprattutto, Sofia Vergara (come ci arriva Sofia Vergara nella cinquina, eh? EH?) avevano speranze di vincere. Quindi sì, caporetto per i beniamini della nostra rubrica, ma, alla fine, in fin dei conti, chi cazzo se ne frega dei Golden Globes. Quindi torniamo al consueto. A che punto stanno le nostre fab comedy fab più fab meno?

 

 

Partiamo dal terzo anzi quarto network, Nbc.

 

Continua a leggere

 


venerdì 13 gennaio 2012

The Good Wife 3×12: Cedrata Tascioni, quante cose al mondo puoi fare


 

The Good Wife 3×12: Alienation of Affection (8)

 

 

Tema: spiega in poche righe la differenza tra una serie normale e The Good Wife.
Svolgimento
: Tocca fare una puntata intelocutoria (perché tocca, quando il totale è 23), in cui l’unica cosa che conta arriva negli ultimi trenta secondi? Ecco. Gli altri ci ammorberebbero di noia. The Good Wife ci fa sentire la musica coi violini e tira fuori un altro piccolo gioiello: Diane, i Duelli di Cappa e Spada tra Eli e David Lee, Elisabeth Tascioni, poste in gioco che montano, fil rouge a forma di buste gialle. Pilota automatico senza abitudine. Conclusione: no, non possiamo chiedere di più a un episodio riempitivo.

 

Ma ora, in no particular order, i 7 migliori momenti di The good wife 3×12 Alienation of Affection (no, non è un episodio di The Big Bang Theory)

 

1) Do you want the spot? (EHM) Do I Want the spot?
Chiedevamo da tempo anche per Diane sa parte du gâteau. Bene, è arrivata. Archiviato Marlboro Man, per la Nostra Signora Dalla Risata Inconfondibile Registrata Alla Siae ecco l’Uomo che Porta le Buste Gialle. Rude, manesco ma gentiluomo: come piacciono a lei. Do you want the spot? Beh, vorrei tante cose, intanto srotolati questo grandissimo pezzo di quadro che ti serva da antipasto.

 

(Le Ballerine!)

 

Continua a leggere

 


giovedì 29 dicembre 2011

Fab Comedy Cbs: How I Met Your Mother e The Big Bang Theory


 

Ma veniamo alle nostre comedy anziane della Cbs. L’usato sicuro che sai che c’è e sempre ci sarà. Le maniglie non dico dell’amore ma almeno dell’affetto cui aggrapparsi nelle serate che non sai che fare. Se proprio vogliamo fare un parallelo con le feste, How I Met Your Mother e The Big Bang Theory sono come il Pandoro e il Panettone. C’è chi ne parla male (l’uvetta? Lo zucchero a velo? Ancora?) ma alla fine una fetta non si rifiuta mai. C’è solo una differenza, e voi amici di vecchio continente destinato all’obsolescenza lo sapete bene: c’è chi, anche alla settima serie, sparge ancora polvere di genio e noi vorremmo che non finisse mai. Chi invece, ecco, lo puoi guardare anche mentre fai altro, magari mentre giochi al Mercante in Fiera in un interessante nerd-gioco di specchi, e va bene così. Ognuno.

 

How I Met Your Mother
7×11, The Rebound Girl (8)
7×12, Symphony of illumination (8,5)

 

Continua a leggere

 


martedì 27 dicembre 2011

Fab Comedy Abc: Modern Family e Happy Endings


 

Ciao shinissimi amici d’oltreoceano, sono io, sono tornato, il vostro inviato Usa Fa Media. Sono un po’ preoccupato, TFM non risponde alle mail. Gli avevo chiesto di farmi sapere ufficialmente se mi rinnovava lo stage gratuito per la rubrica sulle Fab Comedy, ma lui niente. Prima m’ha detto di aspettare che c’era il nuovo blog da mettere in piedi, poi la scusa del Natale e delle Feste, poi silenzio assordante. L’ho anche minacciato che se non mi dava risposte certe io mi guardavo in giro, gli ho scritto in CAPS LOCK che ci sono altri blog che farebbero carte false per avere una rubrica come questa. Zero. Boh, non so che pensare, dite che sta pensando di sostituirmi? E io me ne fotto. Faccio valere la clausola del contratto che prevede il rinnovo automatico della collaborazione in caso di silenzio/assenso. Dunque. Dove eravamo rimasti? Ah boh, e chi si ricorda. Riprendiamo dalla nostra cara Abc, con una serie stabile nelle Fab Comedy e un’altra pericolante che rischia sempre di essere cacciata a pedate: Modern Family e Happy Endings


Modern Family
3×08, After the Fire (7)
3×09, Punkin Chunckin (7,5)
3×10, Express Christmas (6)

 

 

 

Continua a leggere

 


giovedì 22 dicembre 2011

The Good Wife 3×08/3×11: God, how I hate that word ‘blog’


 

The Good Wife 3×08: “Death Row Tip” (7)
The Good Wife 3×09: “Whiskey Tango Foxtrot” (8)
The Good Wife 3×10: “Parenting Made Easy” (9)
The Good Wife 3×11: “What Went Wrong” (8,5)

 

 

3×08: I know a lot of people who weren’t anything until they met Kalinda

 

In cui scopriamo che:
- Se ti adoperi in fellationi, vere o presunte che siano, a tutto vantaggio di Babbi Natali no, non la passi liscia: Here Comes The Santa
- Se rovisti nella biancheria sporca di tua nuora ti commenti da sola, e se sbirci nel suo computer e non ti accorgi che la cam è accesa sì, ti meriti di finire all’inferno. E ti dice bene che Alicia è una signora e cambia solo la serratura invece di pigliarti a manate in faccia come peraltro meriteresti
- Se Kalinda passa da Profumiera a re Màgia che porta in dono la MIRRA e la Felicità e tu alzi i tacchi e te ne vai, beh, fattelo dire Cary, sei proprio un cazzone

 

3×09: You are brilliant, but you’re not God’s gift

Continua a leggere

 


Post precedenti

    sabato 1 marzo 2014
  • El Clásico PSG-OM In occasione del big match Paris Saint-Germain vs Olympique Marseille, Canal + ha realizzato un piccolo video con vari gruppi di supporter in giro per le due città. Da segnalare: le melodie del tifo sono le stesse a ogni latitudine; l’accento marsigliese, sempre consolatorio per chi, come noi, non avrà mai la pronuncia parigina perfetta continua...