lunedì 13 dicembre 2010

Shameless: John Wells, William H. Macy, Joan Cusack, gente così


 

Ieri sera, in coda al season finalone di Dexer, è andata in onda una preview di Shameless, next sunday drama di Showtime (dal 9 gennaio, non cambiamo canale).

Remake della longeva omonima serie inglese, Shameless è scritta da John Wells aperta parentesi E.R. virgola West Wing due punti vediamo se John ha ancora la penna buona chiusa parentesi.

Racconta questa dysfunctional family e infatti le tag di genere sono drama ma anche teen e il protagonista, il padre di famiglia strambo è nientemeno che William H. Macy aperta parentesi il Dottor Morgerstern virgola Fargo virgola classico attore feticcio di gente mica da ridere come appunto i Coen come Lynch virgola marito di Felicity Huffman chiusa parentesi ma solo per farla in breve. Poi in un ruolo ricorrente c’è anche Joan Cusack virgola la sorella di John Cusack ahah questi giochi di nomi che belli.

Trailer, insomma, sbrigatevi.

 


venerdì 3 dicembre 2010

Ufficiale: l’Italia torna all’Eurofestival. Dopo Cinquetti, Cutugno, Ruggeri e i Jalisse toccherà a Nathalie Giannitrapani?


 

Eurofestival. Baracconata che appena ci casci poi mai più senza.
Trash e sublime, concetti che possono ancora stare nella stessa frase.

Dopo 13 anni, è ufficiale, l’Italia torna in gara.

Qualche mese fa il direttore di Raidue Liofredi aveva parlato della possibilità per il vincitore di X Factor di andare all’Eurofestival, qualora. Ma Peppi Nocera, che di X Factor è autore e quindi Ne Sa, in un commento (il numero 10) a questo post di TFM aveva smentito.

Com’è come non è, dopo l’annuncio di oggi, parte l’interrogativo: Nathalie Giannitrapani all’Eurofestival? È vero che c’è già una canzone in inglese per lei? Vedremo.
Intanto, sguazzando nella Wikipedia, si scoprono delle chicche che leviamoci:

* Da qualche anno il regolamento dell’Eurofestival prevede delle semifinali con tutti i Paesi in gara e una finale cui accedono di diritto il Paese organizzatore e le cosiddette Big Four (Francia, Spagna, Germania e Regno Unito) (un po’ come un Cinque Nazioni di rugby, ma allargato), raccomandate, dice, grazie al fatto che ci mettono i piccioli. Dopo anni di crisi, le Big Four si sono riscattate l’anno scorso, con la vittoria tedesca di Lena.

* L’Italia manca dal 1997, anno in cui i JALISSE si classificarono addirittura quarti con la celeberrima one hit wonder Fiumi di Parole.

Nel 1990 ci fu la vittoria di TOTO CUTUGNO con l’indimenticata Insieme: 1992 (nell’edizione di Zagabria: Toto, portasti bene, non c’è che dire). Altre partecipazioni significative:
Continua a leggere

 


giovedì 25 novembre 2010

Franco Battiato e Luca Madonia (ex Denovo) in gara a Sanremo 2011


 

Grazie a Televisionando scopro una notizia che mi riempie di giuoia.
Al prossimo Sanremo ci sarà in gara Luca Madonia con la partecipazione straordinaria di Franco Battiato. Il brano si chiamerà L’Alieno.
Direte: Luca Madonia CHI?
Luca Madonia, ex componente dei Denovo, mitica formazione anni ’80, in cui militavano anche un certo Mario Venuti e il desaparecido Tony Carbone.

Dico mitica non a caso. Per noi giovani siciliani buttati lì, in mezzo al mare, tra un’Africa e un nulla, i Denovo rappresentarono molto. Io li conobbi grazie a mio cugino più grande. Che mi fece conoscere i loro dischi, e mi raccontò alcuni aneddoti, tra cui uno che mi rimase sempre impresso, non so bene perchè. E cioè che il titolo del loro ultimo album in studio, Venuti dalle Madonie a Cercar Carbone, fosse stato pensato proprio da Battiato, produttore artistico di quel disco.

Poi i Denovo si sciolsero. Mario Venuti e Luca Madonia proseguirono le rispettive carriere soliste, l’uno con sconfinamenti sempre più pop, l’altro mantenendo caratteri sempre elitari. (A questo punto bisogna citare Carmen Consoli, che quando si parla di musica e Catania Carmen Consoli c’entra sempre).

A proposito di progetti musicali. L’altra notizia del giorno è che Noel Gallagher degli Oasis sta preparando un disco con la collaborazione di Miles Kane, leader dei Rascals e membro dei Last Shadow Puppets (assieme ad Alex Turner, degli Arctic Monkeys). Ma non credo che questo interessi a Gianni Morandi e a Giammarco Mazzi.

In allegato
Denovo – Un fuoco, live Festivalbar ’88
Denovo – Ma cos’è che mi fa volare
Denovo – Se tengo il passo
Mario Venuti e Luca Madonia – A ferro e fuoco, live Sanremo ’08
Luca Madonia e Franco Battiato – Quello che non so di te

 


lunedì 22 novembre 2010

J.J. Abrams, un’isola, misteri, segreti, Elisabeth Sarnoff e Jorge Garcia: ecco Alcatraz


 

Leggo su Tvblog questa notizia: Jorge Garcia, cioè Hugo sarà uno dei protagonisti di Alcatraz, drama che J.J. Abrams, assieme a Elizabeth Sarnoff (tra le artefici di quel discreto successo che fu Lost), sta preparando per Fox (che intanto si appresta, forse, chissà, maybe, chi lo sa, ciao Walter, ciao Peter, ciao Olivia, a chiudere Fringe).

Alcatraz dovrebbe raccontare la storia di un gruppo di prigionieri scomparsi misteriosamente e riapparsi 30 anni dopo. Jorge Garcia interpreterà Diego Soto, un esperto dell’isola (!), anzi come è stato definito da deadlinethe hippy geek Dr. Diego Soto, the world’s foremost expert on Alcatraz“.

Island? Mystery? Time-travel? Check, check, check (via)

Che dire: trattengo i miei istinti bignamini e niente, mi siedo sulla riva del fiume e attendo. Bah. Boh. Beh.

Il 2010 è proprio l’anno di Jorge Garcia.

 


mercoledì 3 novembre 2010

Maschi contro femmine, Fausto Brizzi, Francesco Baccini, gli attori e la questua, il “metodo a sfinimento” del cinema italiano


 

Da un po’ di tempo c’è questa moda di promuovere i film mediante il metodo detto A SFINIMENTO.
Metodo a sfinimento consiste in una semplice mossa: interi PACCHI di attori e attrici costretti e costrette per contratto a fare l’elemosina, spalmati spiaggiati e tante altre cose che cominciano per sp in OGNI programma televisivo. Che poi è un po’ metodo Bruno Vespa e di suo libro di Natale. Hanno visto che funziona, che gente più si RINTRONA più è FELICE e bòn.

maschi-contro-femmine-locandinaMaschi contro femmine, film corale a episodi diretto da Fausto Brizzi con la crème de la crème del cinema italiano, tra cui Paolino di Mtv, Nicolas Vaporidis, Giorgia Wurth, Sarah FelberbWHAT. Quindi la questua: vi prego vi prego venite a vedere il nostro film!
E via di aneddoti, di trame riassunte in poche parole, di spezzoni (MA LANCIAMO LA CLIP!), di manifesti di intenti: in Maschi contro Femmine sono analizzati i difetti degli uomini in Femmine contro Maschi che uscirà a febbraio bla bla bla.

L’effetto collaterale di Metodo a Sfinimento è che io, per esempio, che vivo a Francia e che non posso andare al cinema anche se MUOIO dalla voglia di vedere questo bellissimo film, mi basta guardare la tv italiana per sapere tutto del film: anzi, è come se l’avessi visto: Preziosi e Cortellesi sono vicini di casa bla bla, Preziosi ha problemi di erezione che glieli cura la Llittizzetto, Fabio De Luigi tradisce Lucia Ocone con Giorgia Mimì Aiuara Wurth e la nazionale di pallavolo femminile.

A proposito di pallavolo. Segnalo il video della canzone di Francesco Baccini presente nella colonna sonora. Nel video vediamo la nazionale maschile con alcuni ottuagenari tipo Lucchetta, Giani, Tofoli, Bernardi, Zorzi e Cantagalli contro la nazionale femminile tra cui la Piccinini e anche la succitata Wurth, impegnate nella famigerata GOCCIA DI CICLONE.
I brividi, proprio: che bel video, che bella canzone, che bel film.

 


venerdì 24 settembre 2010

Quella sera dorata: figurati se James Ivory non ci si tuffava a pesce (premi oscar, icone francesi, gente di Lost)


 

the cityTra i film in arrivo a ottobre c’è anche Quella sera dorata (The city of your final destination è il titolo originale, molto più efficace), tratto dall’omonimo romanzo di Peter Cameron. Se non l’avete letto, vi dico: ottimi dialoghi, ma succede poco o quasi, quindi, se siete fan dei libri colpi di scena sesso e sparatorie, girate al largo.

E infatti, a proposito di storie leeeente piene di dialoghi, ecco che vi si butta a pesce James Ivory, che ha deciso di trarre un film dal libro. Film dalla gestazione travagliata, tra rinvii, problemi produttivi, liti sui compensi delle star.

Il  motivo scatenante di questo post non è la storia (qui una sinossi), bensì le star.

Main cast:

Laura Linney (protagonista della nuovissima serie Showtime The Big C)
Charlotte Gainsbourg (c’è bisogno di dire niente?)
Anthony Hopkins, che nella storia ha un fidanzato, interpretato da Hiroyuki Sanada! CHI? Come chi! DOGEN di Lost! Quello che preparava le pillole a base di pesto e fagiolini verdi che Giààààc si prendeva quando aveva le paturnie suicide (e Dogen gli faceva sputare a suon di PAZZO MA CHE FAI, VUOI MORIRE?).
Poi c’è anche Alexandra Maria Lara, mezza tedesca mezza romena, attrice in forte ascesa, di cui però non aggiungo altro che il post mi è già venuto troppo lungo.

Detto questo, c’è Charlotte e c’è Dogen, ma no, non credo. Il letto è ancora il posto più comodo dove dormire.
Comunque, trailer? Trailer.

 


venerdì 17 settembre 2010

The event, NBC, Jason Ritter, Željko Ivanek, Laura Innes


 

The_EventE poi c’è The Event, che andrà in onda su NBC ogni lunedì dal 20 settembre. Aspettative tiepide: sono ancora affetto dalla sindrome “Biggest Minchiata Evah cioè Flashforward”. Quindi non mi faccio illusioni. Quel che viene è Event che cola.

Un ragazzo cerca la propria ragazza scomparsa e si trova in mezzo a un’enorme cospirazione di livello mondiale.
C’è da dire che in questo periodo tira più un pelo di complotto che un carro di buoi: Rubicoooaaan, Covert Affairs, cose così. Vedremo.

Motivi per guardare The Event:
1) Il protagonista è Jason Ritter. CHI? Il figlio di John Ritter, uno degli indimenticati Tre cuori in affitto, che ora riposa in pace in quanto morto sul campo, cioè sul set della sitcom Otto semplici regole.
2) L’eccellente Željko Ivanekgià Drazen in 24, avvocato di Frobisher spinto al suicidio da quella stronza di Patty Hewes in Damages, nonché sublime Magistah di True Blood.
3) E poi lei, Laura Innes, la dottoressa zoppa che in E.R. si bombava hamata Giulietta cioè Elizabeth Mitchell che all’epoca era dottoressa anche lei e si chiamava Kim Legaspi. Innes torna così in una serie importante: evidentemente si era sfrantumata l’anima di fare la regista di Brothers and Sisters.

Trailer/Preview di The Event? Trailer/preview di The Event.

 


Post precedenti Post successivi

    giovedì 9 ottobre 2014
  • The new pornographersBrill_Bruisers_Cover      Anche l’autunno è una stagione come si deve, a patto di ascoltare almeno due volte al giorno Brill Bruisers, il nuovo disco dei New Pornographers: