giovedì 23 maggio 2013

Grey’s Anatomino 9×24: un season finale val bene una milza


 

L’altra sera, frugando nei miei ricordi seriali, ho cominciato a pensare alla trafila impiegatizia di sciagure che in nove sulfurei anni questi disgraziati personaggi hanno dovuto subire, forse persino con indulgenza, da una penna sì sadica ma altrettanto capace di sfornare DRAMA A ROTA (Scandal ha già superato Grey’s negli ascolti, seguendo l’apprezzato schema del benedetto biennio ’04-’05: prima stagione arronzata e seconda in grande crescendo).

 

Insomma ho pensato a tutti i morti e i mutilati di questo che non è più un telefilm ma un camposanto bello e buono e ho tirato una linea dritta alla fine della pagina: Shondona doesn’t kill afro people (specie se sono lì dalla prima stagione). E non solo non li uccide, ma al massimo li fa diventare alcolisti o pieni di dubbi per colpa di uno stafilococco. Insomma, cose da niente se paragonati, che ne so, a un autobus che ti prende in pieno e ti sfigura per poi farti morire di una morte lenta e dolorosa, o ad anonime cardiologhe stessosessuali che un attimo prima erano lì ad operare e un attimo dopo, puf, sparite come se Walter Bishop fosse ancora tra noi a giocare a shangai con gli universi. D’altronde, come volerne a Shondona, l’unica showrunner (donna virgola nera) dei grandi network, l’unica per cui minoranza iz ze niu maggioranza, l’unica che ai casting dei suoi drama c’è un cartello con su scritto SE SEI WASP TU QUI NON PUOI ENTRARE (a meno che tu non sia pazza, allora va bene).

 

Un season finale che rispecchia la regola dell’alternanza e non ci regala cadaveri eccellenti ma solo pezzi morti di Meredith (la milza) (ricordiamoci che alla nostra manca pure un pezzo di fegato, donato tre stagioni fa a suo padre ubriacone) (di questo passo, in Grey’s 37×24 ci rimarrà solo una sua ciocca di capelli, e ciononostante continuerà a fare minchiate). Dunque niente stragi, stragine e stragi al cazzo. Solo UNA MILZA. Bon, grasso che cola, se consideriamo che i veri pericoli di questo finale si sono concentrati su, appunto, Meredith (yawn), Jackson (yawn: se qualcuno c’è cascato ha vinto il premio di sospensione dell’incredulità) e sul Cif (superyawn): Shondona doesn’t kill afro people, ricordatevelo. E con questo memento-muori che lascio qui a futuro rinfaccio, amiche dottoresse e amici dottoressi, per chi l’ha visto e per chi non c’era, THE ULTIMO ANATOMINO OF THE NONA STAGIONE: Perfect Storm.

 

 

Shondona

Il momento esatto in cui Shondona ha avuto l’idea per la scena finale

 

Continua a leggere

 


mercoledì 23 maggio 2012

The importance of being Shondona


 

Primo movimento: l’accorato appello che Shondona rivolge a TFM e ai lettori e alle lettrici di TFM

 

 

Caro TFM, scrivo a te perché sono certa che ti farai tramite e saprai essere indulgente, la tua benevolenza e misericordia non avendo confini!

 

Amici e amiche di tante ammazzatine, lo so, questo finale di stagione vi ha fatto schifo, forse più di quello delle candele (le candele, vi ricordate le candele? LoL!). Mi avete intasato twitter, mi avete detto che mi pentirò amaramente dei miei peccati, che quando mi guardo allo specchio mi devo sputare da sola, che devo andare dall’analista che evidentemente c’ho dei traumi irrisolti con la morte e le morti, persino che io stessa devo morire, e morire male! Ok, vi ha fatto schifo ma intanto ve lo siete visto tutti, questo cazzo di season finale! 11 milioni e 4.1 di rating. 4.1! A parte American Idol nesssuno ha fatto come noi! Andatevi a guardare i dati di quella settimana e puppate! Sucate! Sucate e puppate!

 

Continua a leggere

 


martedì 17 aprile 2012

Grey’s Anatomino 8×19: “Sarai per sempre l’amore della mia vita” “Tu no”


 

Grey’s Anatomy 8×19, Support System

 

“L’osso del piede è legato all’osso della gamba, l’osso della gamba è legato all’osso del ginocchio. A Scuola di Medicina impari che è un po’ più complicato di così. Tutto è connesso”.

 

No, a parlare non è il bambino di Touch, ma Meredith, e come al solito blatera cose senza senso. Dove eravamo rimasti? Ah sì, Cristina e Owen.

 

 

- Come si chiama quella BUTTANA?
- AHEM, BOH”
- Come Boh? Te la porti a letto e non sai manco come si chiama?
- Ero ubriaco!
- Era meglio che ti innamoravi di lei, sarebbe stato tutto più linear-

 

WAIT. Owen e Cristina stanno giocando a VOLANO GLI STRACCI CON TUTTI I FILISTEI quando all’improvviso si leva un coro: Alè ohoh Cristina ma che stracazzo dici. Era meglio se la amava? E se la ami perché la ami, e se non sai il suo nome perché non sai il suo nome. Oh, qua uno non può mai stampare un paio d’iccorna in santa pace.

 

Continua a leggere

 


mercoledì 11 aprile 2012

The anatomino Special Edition: Non drammatizziamo, è solo questione di corna!


 

Grey’s Anatomy. Gli eventi narrati nel seguente post raccontano una storia d’amore quasi emblematica, tra pigghiatine, lasciatine, ammazzatine e corna. Quindi sì, puoi leggerlo anche tu che non hai mai visto una puntata di questo bizzarro medical-fogliettone. Se invece sai-perfettamente di cosa sto parlando, beh, doppia buona lettura.

 

The Anatomino Special Edition: La Disgraziata Ballata Di Due Persone Cocciute Che Vogliono Per Forza Stare Assieme Ma Non Hanno Ancora Capito Che Si Stanno Facendo Del Male.

 

 

Non si tratta di quel maledetto intervento! Si tratta della vita che mi ero immaginato! (Owen Hunt, Grey’s Anatomy 8×12)

 

Siamo alla festa di compleanno della new duenne Gianfranca Zola, una buffa bimba dai buffi capelli, sopravvissuta a malattie, genocidi e sventure, e ora finita all’altro capo del mondo, con un nuovo papà e una nuova mamma che, detto tra noi, è pazza. La festa è una delle solite feste di bambini adottati e non, piena di palloncini colorati, medici che chiacchierano sapidamente del più e del meno (“Tu quanti ne hai sterminati oggi?” “Solo due, mannaggia a quella cistifellea!”), la fanta nei bicchieri di plastica e i noccioli delle olive che non sai mai dove mettere. Tutti sono felici tranne loro due, Cristina e Owen, ubriachi, incattiviti e disposti a tutto pur di riscrivere la storia del Toccare Il Fondo In Una Storia D’Amore E Scavare Finché Ce N’È. Siamo Al Gran Rinfaccio, quel momento in cui, dopo aver accumulato per mesi bile e rabbia, alla fine non ce la fai più e te ne esci, a scelta, con un Mi Scassasti La Minchia, Se Sono Infelice è grazie a te, Maledetto il giorno che ti ho incontrato, Hai ucciso il nostro bambino. Cose così. Not cool.

 

Continua a leggere

 


martedì 14 febbraio 2012

La gente è in bilico tra la vita e la morte e loro giocano a Zero Per, o Tris, come lo chiamate voi


 

TFM: Shondy, ma allora, che cazzo fai!
Shondona: Darling, qu’est-ce qu’il se passe?
T: ma non t’ha insegnato niente E.R?
S: di che parli, l’ho mollato dopo Carter e Lucy moribondi, troppa cupa cupezza
T: talè cu parlò
S: in che senso?
T: nel senso che dovevi continuare a guardarlo! Avresti capito come si fa a gestire nel migliore dei modi UN FOLLE PULMINO CHE SI SCHIANTA CONTRO L’OSPEDALE
S: ma avevi detto tu che volevi un po’ di azione!
T: appunto! Ma non così! Un folle pulmino che si schianta contro l’ospedale e nessuno dei nostri che MUORE E POI RISORGE? Ma sei PAZZA?
S: e se faccio le stragi perché faccio le stragi, e se non faccio le stragi perché non faccio le stragi, voi FANS non siete mai contenti
T: ma certo, ti rendi conto che ti sei giocata un enorme JOLLY che avresti potuto usare per il finale di stagione?
S: dici?
T: dico
S: e dimmi, mio VATE, come posso rimediare?
T: uhm, vediamo, l’asteroide no che non è credibile, che ne dici di un paso doble TERREMOTO + TSUNAMI che fa piombare un PALAZZO in testa a Meredith?
S: tu genio
T: lo so

 

 Grey’s Anatomy 8×14, All you need is love

 

In cui scopriamo che:

 

Continua a leggere

 


lunedì 6 febbraio 2012

Cambia l’ordine degli universi paralleli ma il risultato è lo stesso: c’è sempre qualcuno che risorge


 

 

Domanda: qual è il ringrazio per non essersi persi una puntata di questo carrozzone di gente che bene non sta, otto anni di cupe cupezze, ammazzatine, stragi e stragine, ubriacature e Meredith Grey? Risposta: 8×13, If/Then, vero e proprio p’tit cadeau che Shondona ha voluto fare ai piccoli e grandi fans, solo per loro. Eh già, perché tutto era pieno di ganci e strizzatine d’occhio che solo chi ha urlato almeno tre volte in vita sua l’espressione MEREDITH OH C’MON MA CHE CAZZO FAI poteva cogliere. Gli ascolti non sono cresciuti, anzi, ma è stato tipo (ho detto tipo!) una di quelle puntate della sesta stagione di Lost (quella che la mia amica Esseppina dice non essere mai esistita, ce la sognammo, sì, fu sogno, e anche bello). Insomma un flashsideway in piena regola, io mi aspettavo di vedere sbucare da un momento all’altro Juliet la dottoressa o Desmond e la sua lacca e invece niente. Però nell’universo parallelo c’è gente ancora viva, ah beh.

 

Osservazioni sparse di Grey’s Anatomy 8×13:

 

Continua a leggere

 


martedì 10 gennaio 2012

The Anatomino of Grey’s Anatomy 8×09 e 8×10: Merry Meredith and Happy New Dead


 

Grey’s Anatomy 8×09: Dark was the night
Grey’s Anatomy 8×10: Suddendly

 

TFM: yo Shondy what’s up?
Shondona: Darling, ma che cazzo di fine avevi fatto?
T: il blog nuovo, le feste, le panelle, you know. Tu piuttosto! Due mesi per un nuovo episodio, non è così che si trattano le genti additte.
S: che ci vuoi fare, la gente ha bisogno di hype
T: ho capito, però non si fa così. E, soprattutto, basta far morire la gente sol perché non la vuoi più nel cast
S: e che c’entro io. Quello voleva fare altre cose
T: che sciocca gente. Come quella bionda che pensava di fare successo andandosene
S: LOL
T: vabbè, te lo dico ora che stai ridendo. Ho letto che sei in difficoltà per il finale di stagione, e che non si sa ancora se ci sarà il rinnovo dei contratti di Ellen Pompeo e Patrick Dempsey.
S: non mi dire niente
T: ecco, prova a far schiattare Meredith in un’esplosione nucleare o come ti gira la testa a te, e stai tranquilla che ti vengo a cercare fino a Stati Uniti
S: mii come sei suscettibile

 

Update: a sottolineare ulteriormente il parallelo Denny Duquette/Henry Duquette, il gran ritorno degli Snow Patrol, quegli stessi Snow Patrol legati a doppio filo alla Golden Age Anatomina (tra le altre canzoni dell’episodio anche una scintillante Zola Jesus. Zola, e non è un piccolo particolare).

 

E ora, che siate in fibrilla o meno, ecco a voi, solo per voi, The Anatomino of Grey’s 8×09-8×10

 

(chi è quella signora? Ah boh, e io che ne so)

 

Continua a leggere

 


Post precedenti

    giovedì 24 aprile 2014
  • EnchantéBenjamin-Isidore-Juveneton-insta La Cité de la Mode et du Design è uno dei luoghi meno parigini e più londinesi della città (senza che nessuno, di qua e di là, si offenda). Negozi di design, street food, il museo de l’Art Ludique (che in questo momento ospita la mostra L’art des super-héros Marvel). E, fino ad agosto, Enchanté, continua...