venerdì 22 novembre 2013

Come il tabloid Corriere.it cerca di fare maldestra concorrenza a Youporn


 

C’è qualcosa di veramente patologico nel modo in cui i media mainstream italiani riprendono le notizie che arrivano dalla Francia. Vale per la politica, per il calcio, per la televisione, per il costume, per tutto: interpretazioni parziali, dati inventati, storpiature di nomi. Ci sarebbe da aprirci un blog ad hoc, talmente quotidiani sono certi orrori. Oggi è il turno del noto tabloid corriere.it, che nel colonnino destro, in bella mostra, scrive: Legge il meteo nuda dopo la qualificazione della Francia.

 

Qualche giorno fa, durante un talk show di Canal +, la miss Météo Dora Tillier aveva promesso che, in caso di qualificazione dei Francesi ai Mondiali, avrebbe tenuto la sua rubrica satirica à poil, che in francese vuol dire, appunto, nuda. Il giorno dopo, grande attesa a corte di Francia per scoprire cosa si sarebbe inventata Dora per i suoi cinque minuti, spesso i più divertenti dell’intera tv francese.

 

 

 

Doria

 

 

Continua a leggere

 


lunedì 18 novembre 2013

Una musica può fare televisione


 

Ovni, objet volant non identifié. La musica francofona ha un Ovni e questo Ovni si chiama Stromae.

 

 

Stromae

 

 

 

Continua a leggere

 


domenica 24 marzo 2013

Alcune cose che non sapevo su Franco Battiato (una riguarda Nanni Moretti)


 

Franco Battiato

 

 

Per tutto l’inverno la città è stata tappezzata di manifesti che recitavano “Franco Battiato à l’Olympia” (io volevo, molto volevo, mais non: assai piccioli pour ma sacchetta). In occasione del concerto, Le Monde ha dedicato un’intera pagina all’uomo i cui vinili “si possono trovare nei negozi più fighi di New York, Montréal o Glasgow”, l’uomo che “rappresentò l’Italia all’Eurovision con I Treni di Tozeur” e che viene dalla Sicilia, “île palimpseste d’influences grecques, arabes, normandes, espagnoles, ‘mère difficile’ avec laquelle il s’est réconcilié sur le tard“. Una lunga e bella intervista, realizzata dall’inviato nella casa milanese di Battiato, bevendo thé e mangiando chiacchiere (“une pâtisserie dont les Italiens se repaissent pendant le carnaval“), e che mi ha rivelato una serie di cose che non sapevo su Battiato ma anche su Nico e i Velvet Underground, la droga, Nanni Moretti, alcune suore, il Movimento 5 Stelle e Antonio Venditti:

 

Continua a leggere

 


martedì 26 febbraio 2013

Les Revenants, la colonna sonora firmata Mogwai


 

 

 

- Senti, tu che hai gli agganci, mi consigli una serie francese bella come Les Revenants?

 

Qualche settimana fa, di fronte a questa domanda diretta, ho riflettuto cinque minuti prima di concludere che no, non ho alcuna serie francese come Les Revenants da consigliarvi. Ce ne sarebbero, eh, ma non esattamente come Les Revenants, che è il prodotto franco-seriale più riuscito degli ultimi tempi, point barre.

 

 

 

 

Budget da 11 milioni di euro applicato a un solido standard Canal+ e a una cura di scrittura e di realizzazione al livello delle serie anglofone e nordeuropee. Ecco perché. Fabrice Gobert, che è l’anima di Les Revenants, ha preso in mano un progetto che fino a quel momento stentava a decollare, gli ha dedicato alcuni anni della sua vita, facendosi aiutare anche da gente come Emmanuel Carrère (sì, quello di Limonov) e ha imposto in Francia una figura artistica simile a quella dello showrunner americano. Responsabilità e controllo totale del prodotto. Aggiungiamo un cast di livello stellare tra cui Céline Sallette (detta da noi fans la Dea delle dee), Anne Consigny, Clotilde Hesme, Guillaume Gouix, Frédéric Pierrot, il in rampa di lancio Pierre Perrier, e i conti tornano immediatamente. Anzi, no, c’è un altro motivo per cui Les Revenants è una delle serie dell’anno scorso preferite da questo blog, e questo motivo si chiama MOGWAI.

 

 

 

 

Continua a leggere

 


venerdì 8 febbraio 2013

Occupe-toi de tes oignons


 

 

 

La prossima settimana, qui in Francia, esce nelle sale Scialla!, la graziosa commedia di Francesco Bruni del 2011. Il titolo è rimasto uguale. Scialla!, appunto. Ma Scialla! già in originale aveva un sottotitolo esplicativo per i non romanoudenti o i non frequentatori di talent: Stai sereno.

 

Qui, che di solito il sottotitolo glielo appiccicano SEMPRE (quando non traducono il titolo, cioè il resto di SEMPRE), capirai, non gli è parso vero. Scialla! (Stai sereno) è diventato quindi Scialla! (Joue-la cool!).

 

Joue-la cool: mi rivolgo ai francofoni all’ascolto che stanno già rotolandosi a terra. Lo so, LO SO:  MDR, per sempre. Di seguito la bande annonce sottotitolata, da cui si evince che:

 

 

INTERROGAZIONE = INTERRO (pronuncia ‘anterrò’)
HO FATTO SEGA = J’AI SÉCHÉ (super LoL)
PISCHELLE = FILLES (ehm)
MA SARANNO CAZZI MIA = OCCUPE-TOI DE TES OIGNONS (ma pensa alle tue cipolle)
(oignon in slang vuol dire anche ‘anus’ e non c’è bisogno di tradurre, vero?)

 

 

 

 

 

Mi sa che vado a rivederlo solo per godere di questi carpiati dal romanesco allo slang francese senza passare dall’italiano, non sia mai.

 

 

 


    lunedì 8 settembre 2014
  • La rivolta delle librerie contro Valérie Trierweilermerci2 François Mitterand, quando era presidente, ha fatto un po’ quello che ha voluto, tra le lenzuola. Cose che in confronto François Hollande è un uomo semplice, leggermente sovrappeso, che cambia montatura degli occhiali ogni quindici anni, senza grosse pretese se non quella di governare la Francia in un periodo molto complicato. Va bene, erano altri continua...