TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

Adele
0

La morve d’Adèle (et puis son cul un peu aussi)

 Come ogni anno, immancabili, arrivano le locandine alternative dei César. Il sito Vodkaster rifà il verso, con giusta perfidia, a certi tic e certe presunzioni del cinema francese, alla faccia di chi dice che questa gente non sa prendersi sul serio. La parola dell’anno è cul (ah, morve vuol dire muco, moccio). Le mie preferite:…

Continua

10

I Cinefili In Differita amano dire frasi tipo Ho visto un film iraniano coi sottotitoli in francese

 I Cinefili In Differita per vari motivi non sono potuti andare a Cannes, quindi vanno alle rassegne di Cannes in Città. I Cinefili In Differita per esempio vanno al Reflet Médicis, 3 rue Champollion, nel quinto arrò di Paris, per la rassegna integrale di Un Certain Regard. I Cinefili In Differita fanno la conoscenza di…

Continua

4

The next three days, Pour elle – Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia: c’era una volta Paul Haggis

 Ci sono due luoghi comuni, uno) è che i film francesi sono tutti pallosi che questi francesi parlano parlano e due) gli americani spesso fanno dei remake di film europei i quali remake sono talmente pessimi, sia per il pubblico che per la critica, che non si capisce perché si ostinino a farli, i remake…

Continua

11

César 2011: la Francia celebra il proprio cinema (e Roman Polanski)

 Su Canal+ è appena andata in onda la cerimonia di consegna dei César du cinema.   Miglior regista: Roman Polanski per The Ghost writer Miglior film: Des hommes et des dieux Miglior attore: Eric Elmosnino per Gainsbourg, la vie heroique Miglior attrice: Sara Forestier per Le nom des gens Miglior sceneggiatura originale: Le nom des…

Continua