TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

16

Di quella sera che iniziò con le tagliatelle vongole e ceci e finì con l’arrivo dei pompieri che volevano arrestarci

 ieri sera sono andato a cena a casa della mia amica wella. la mia amica wella ha due caratteristiche principali. una) avete presente le modelle che stanno nelle confezioni dei capelli per le signorine e che hanno infatti quei capelli lunghi e setati e meravigliosi che uno dice no vabbè non esistono? ecco invece esistono….

Continua

12

Ovunque io vada, anche quando non voglio pensarci, anche quando cerco casa, me lo trovo sempre in mezzo ai piedi

 “Il modo migliore per conoscere una città è cercare casa” Ah! Non so chi l’abbia detto, qualcuno l’ha detto -forse io!- ma quant’è vero! Come sapete, I’m lookin for a casa. Siccome che ho tanto tempo libero e dopo nine years ancora Roma non posso dire certo di conoscerla -con il mio sense of orientamento,…

Continua

7

Come ti pitto subito subito il Fab Feb appena iniziato: il caffè non c’è, la “donna” non c’è, Federer nonne parliamo. Cazzoh!

 Praticamente che ore erano? Le 4 e 37 del mattino? Boh insomma mi sveglio di soprassalto tutto agitato e con la fronte imperlata di sudore imprecando improperi a più non posso and urlando: Cazzo, ma siamo già a Febbraio! Mi sveglio bagno cucina solite cose e: la macchinetta del caffè è rotta again. Damn it!…

Continua

16

“Gli abitanti della casa sono pregati di contribuire a spese e preoccupazioni”: sì, ma in che senso?

 insomma esco dalla doccia -nove e zerosette del mattino- gocciolo da capo a piedi. nell’aria c’è. una strana nebbiolina grigiognola. cazzo la disinfestazione et derattizzazione ipermegaiper del condominio. curtulill e calinero sono già usciti. chiudo le finestre. la nebbiolina si impossessa di me. stramazzo al suolo. tossisco. mi dimeno. mi sento anzi sono: bacarozzo. non…

Continua

34

Ungo e Unga

 ricordate che vi avevo parlato del nuovo coinquilino, ungo l’ungherese, quello che parla accorpando parole e frasi a casaccio e mettendo l’accento sempre e solo sulla prima sillaba -tipo: sàiperca sòseloscio pèroèfi nìto?-. ecco lui. da un paio di settimane ungo non è più solo. c’è unga. unga è la ragazza di ungo. ed è…

Continua

29

Non è poi così male essere appesi a un filo

 la prima volta che sentii quella parola poteva essere, che ne so, il ’95 o il ’96, comunque brenda se ne era già andata a londra, liam e noel già cantavano le loro morning glory e io già odiavo berlusconi. fu una specie di epifania, una supernova che illuminò lo slang di noi giovani. un…

Continua

19

C’era una volta la mia felpa preferita con i polsini bianchi.

 volevo dire due cose.uno) tre mesi fa la mia coinquilina -la fu vispa- se ne andò con gli occhi spenti, portandosi via un’amicizia e un asse da stiro. l’asse da stiro. passai i giorni successivi come un furetto, a cercarne uno nuovo, incrociando marche e prezzi e varietà floreali del telo da stiro. girai vari…

Continua

33

But I don’t care where I’m going

 Previously on Ti-Ef-Em Marzo 07: “E quindi, dicevi, sei qui a Roma per uno stage. Ah bene, un altro stagista! Comunque, caro Secco, questa è la tua stanza. E queste sono le chiavi di casa”. Chiudi sullo sguardo soddisfatto di TFM, Vispa e Curtulill: a morte il casting e a morte Porta Portese! Luglio 07:…

Continua

26

Di questa vita balera, per esser ricordati qui: finale di stagione, finale di tante cose

 Previously on Ti-Ef-Em. Marzo 07: la Vispa ci raduna in cucina e ci dice: Caro Tieffemme e caro Curtulill, vi presento il nostro nuovo coinquilino: si chiama Il Secco ed è pugliese. Pugliese? Un altro?/ Aprile 07: TFM se la scammina per le strade di Roma, quando, per evitare una turista spagnola: zacchete! E la…

Continua

1 2 3