giovedì 5 luglio 2012

In cui parto da Smash e da quella gattamorta di Katharine McPhee e arrivo fino a Louie


 

INTRO (se vuoi subito la recensione di Smash, passa direttamente al punto 1, se vuoi sapere cosa penso di Katharine McPhee vai al punto 2, se sei curioso di capire che ci fanno Smash e Louie nella stessa frase vai al punto 3, altrimenti comincia pure dall’inizio, magari ci sono cose che possono interessarti)

 

Ieri sera ha debuttato su TF1, in prima serata, la serie Smash. TF1 è il primo network di Francia. È privato (come Canale 5), è leader incontrastato (non come Canale 5), potendo approfittare, tra le altre cose, della mancanza di pubblicità in prime time del suo competitor, France 2 (come Raiuno ha il canone, ma non basta: grazie Sarkozy, ciao Sarkozy).
TF1 dedica diverse serate settimanali alle serie americane. Nello specifico: CSI, House e Grey’s Anatomy, capaci di raggiungere come niente i 7 milioni e il 25% (House ne fa anche 8, quasi quanto l’originale). E siccome qui si deve sempre discutere su tutto, uno dei dibattiti che torna ciclicamente è: va bene, ingrassatevi con le serie d’importazione, ma quando finiscono poi che fate? (Sottotesto: bisogna investire nelle fiction francesi di lunga serialità che mi creano economia).
D’estate la tv francese non chiude (forse perché l’estate non esiste?). Intrattenimento hard (Secret Story, il più o meno omologo del Grande Fratello, è il titolo di punta estivo e va in onda in seconda serata: Oh La Vache!) e altre serie americane (tanto, non finiscono mai). Nello specifico, esperimenti, nello specifico NBC. L’anno scorso TF1 ci provò con Parenthood (FAIL), quest’anno ci ritenta con Smash, appiccicandogli un sottotitolo dei loro: Il était une fois Marilyn (anche io, come un mio contatto su twitter, sono uno di quelli che ogni volta deve googlare il nome Marilyn per ricordarsi se la prima i è una i o una y, non è bello). Risultato: nemmeno 2, 7 milioni e il 10,8%. Disastro. Anzi: Flop. La verità è che tira più un pelo di procedurale che Marilyn Monroe. Morte al pubblico generalista. Ma parliamo di SMASH.

 

 

Continua a leggere

 


    giovedì 9 ottobre 2014
  • The new pornographersBrill_Bruisers_Cover      Anche l’autunno è una stagione come si deve, a patto di ascoltare almeno due volte al giorno Brill Bruisers, il nuovo disco dei New Pornographers: