TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

on-the-road
4

Film che qui si aspetta con un filo di inquietudine fratto speranza

 - On The Road (Walter Salles, 2012) -        Nel 1957 Jack Kerouac scrisse una lettera a Marlon Brando proponendogli di acquistare i diritti di On The Road per farne un film assieme: Brando avrebbe interpretato Dean Moriarty e Kerouac Sal Paradise. Lo stesso Kerouac avrebbe curato tutto il resto: “Non preoccuparti della…

Continua

Libri
7

L’Orco che ti costrinse a non guardare in faccia ai libri

 Poi una domenica stai camminando per il sesto (o era il quattordicesimo?) e arrivi in uno slarghetto su cui affacciano un albergo, un bistrot, un altro bistrot e una stazione del vélib’, e trovi una serie di persone accovacciate sul marciapiede che rovistano tra scatoloni di cartone e libri impolverati. Così.       E…

Continua

Cost
15

I responsabili del decadimento dell’universo

    Qualche diciamo giorno fa. Sono a Milano, di passaggio, tra un treno e l’altro. Non sapendo che fare, entro nella libreria della stazione. Quando non so che fare io entro sempre in una libreria, anche quelle che non sono nelle stazioni. Comunque, questa libreria della stazione di Milano è molto grande, ben 3…

Continua

beat_the_reaper
6

La Mafia mi ha detto questo, La Mafia mi ha detto quello

 Tutto Fa Dipende Da Come La Rigirano.   Ricapitolando. Jonathan Franzen e Noam Baumbach per l’adattamento di The Corrections. Spike Lee e Da Brick, sulla vita di Mike Tyson. Michael Chabon e Hobgoblin (Aronofsky dovrebbe dirigere il pilot). Non possiamo certo dire che HBO se ne stia con le mani in mano. Non solo. Nelle…

Continua

einaudi_fattoumano
5

Un fatto umano, storia del pool antimafia (e di altri mali cristiani, traditori e assassini)

 25 novembre 1985.  Due studenti del Liceo Classico Giovanni Meli di Palermo, Biagio Siciliano e Maria Giuditta Milella, aspettano l’autobus in via Libertà. All’improvviso, una macchina dei carabinieri che fa da scorta ai giudici Borsellino e Guarnotta viene urtata, chissà come, da un’altra macchina e piomba sulle persone in attesa alla fermata. Biagio muore subito,…

Continua

Espace
19

Schivando trappole in libreria: non decrescita, semmai ricrescita

 L’altro giorno sono entrato in una libreria italiana. Cercavo un libro di cui mi hanno parlato un gran bene. Un libro italiano che parla di cose di pesca. Volevo vedere quanto costava, quante pagine aveva, le solite cose vah (Spoiler: no, non l’ho preso).   Insomma niente, ho fatto un passo oltre la soglia della…

Continua

5

Il noto scrittore James Franco parla del suo ultimo libro a Le Petit Journal

 Ciao, il mio programma preferito qui a terra esagonale è Le Grand Journal, in onda ogni giorno alle 19 circa, in chiaro, su Canal +. All’interno du Grand Journal va in onda l’altro mio programma preferito in terra esagonale, che è Le Petit Journal. Il primo è più serio, il secondo più faceto, ma a…

Continua

12

Bagni d’italianità

 Essere italiani, a Parigi, significa saltellare in equilibrio tra il Lamento in Entrata (questa gente hanno l’antipatia nel dna: boring) e il Lamento in Uscita (l’Italia fa schifo, meno male che me ne sono andato: boring). Di sicuro, se sei italiano a Parigi, un certo italiano a Parigi, cerchi di evitare come la peste gli…

Continua

27

Gli zombie sobri che leggono camminando (o camminano leggendo)

 Il mondo si divide chiaramente in:     a) quelli che leggono e b) quelli che leggono camminando (o camminano leggendo: se ci sono sfumature di senso trovatele voi)   Divisione per fortuna sproporzionata. Di solito mondo è posto discutibile in cui vivere, e gente altrettanto, ma in questo caso no. Quelli che leggono camminando,…

Continua

1 2 3 4 5 12