TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

Sanremo 2000
2

Nel fogliame odoroso che si è

 

 

Di Pasquale Panella, Armando Mango e Giuseppe Mango, canta Mietta. Siamo nel 2000 e Fare l’amore arriva al tredicesimo posto nel Sanremo con più qualità-di-sempre (Avion Travel, Grandi, Morandi, Gazzé, Bersani, Trovato, Consoli, Subsonica, Alice). Un vero peccato, perché, sin dalla prima esecuzione, appare subito come un pezzo-potenzialmente-killer, un pezzo da canone, perfettamente a proprio agio nella storia della musica leggera italiana: tradizionale, conservatore e con rivoli di senso che provano a sfuggire qua e là ma poi, compatti, vengono ricalamitati al cuore del Nucleo Amoroso.

Una voce che chissà cosa avrebbe potuto regalarci se solo “non avessi avuto paura di prendere l’aereo”; un ermetismo panelliano più luminoso del solito ma comunque capace di grattacapi e vicoli ciechi (“Fare l’amore mette in pericolo tranquille parole”: non conosco esegeta che non si sia fatto tremare i polsi da questi versi); una struttura melodica classicamente e doppiamente manghiana, con ripetizioni e insistenze costruite ossessivamente in funzione dell’acme al minuto 3:18 e infine sfuma, ritraendosi in timidezza, come solo il dolce scollinare del dopo, appunto, fare l’amore.

*

[L'importanza di una carriera può essere misurata anche dall'incidenza su quelle degli altri. Un saluto al musicista Mango]

[Bonus track: il frame del video in cui la cantante Mietta è appesa allo spigolo del comodino con il telefono fisso in primo piano, poco prima della cavalcata finale del pezzo]

Il Sanremo con più qualità-di-sempreL'ermetismo panelliano e la melodia classicamente manghianaL'improvvisa morte del musicista MangoLe collaborazioni tra Mietta Panella e Mango vanno oltre questa canzoneMietta se solo avesse preso più aerei nella sua carriera

TuttoFaMedia • dicembre 9


Previous Post

Next Post

Comments

  1. Shengo dicembre 9 - 17:53

    Che “Repubblica” apponga ‘cantante’ prima di Mango, cosa che non si farebbe certo per Eros o Vasco, mi dice tutta l’estraneità di Pino alle fottutagini del mainstream. Io l’ho ricordato così. Benché l’incredulità mi attanagli ancora. http://machittevole.blogspot.com/2014/12/e-adesso-insegui-laquila.html

  2. TuttoFaMedia dicembre 10 - 13:13

    *Shengo: non so, forse in questo caso era solo una consuetudine, visto il nome d’arte particolare.

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>