TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

Piazza d'Italia
10

Leonarda e Hollande, Alex Beaupain e Claire Diterzi, la mostra su Pasolini, gli spaghetti bolognaise di Adèle, Lilian Thuram: jusqu’ici tout va bien

 

Il sistema scolastico del Paese in cui vivo è organizzato così: ogni sei settimane di scuola ce ne sono due di vacanze. Detto anche: ogni due mesi mezzo mese è gratis, detto anche: chiaro che poi siete degli ignoranti precisi (questo lo dicono gli italiani livorosi, quelli che “siamo evasori fiscali ma almeno sappiamo la storia del nostro Paese” “Appunto”). A cascata, conseguenze tipo che ogni sei settimane le famiglie e la società entrano in modalità ‘vacanze scolastiche ON’. Queste vacanze coincidono, più o meno, con i Morti, col Santo Natale, con Carnevale, con Pasqua e così via. La Francia è un Paese Superiore Che Ha Capito Tutto.

 

Le Péril Jeune. L’altro giorno, se passavi da Place de la Nation, trovavi alcune centin-decine di ragazzi in vacanza scolastica che no, non se la gettavano come ai miei tempi, ma protestavano in piazza nel nome di Leonarda. Se non sai chi è Leonarda forse non lo vuoi sapere. Leonarda sta scuotendo la République come nemmeno una prova di Dna rubata all’insaputa di un improvvido Presidente (anzi, ora che ci penso, forse era meglio che Hollande lo trovavano con le mani nella marmellata) (ma nulla osta che nelle prossime settimane, per distogliere l’attenzione) (ma l’hai visto Hollande, con tutti quei porri in viso? E come diventa quando è emozionato?). Perché meglio? Perché i Francesi saranno un popolo di musoni, depressi e cacacazzi ma almeno si godono la vita. Scopano. Guarda Mitterand, aveva due famiglie, uno stuolo di amanti da qui a qui. Guarda Sarkozy, ma sto divagando. Leonarda. A un certo punto intervistano in Kosovo il papà di Leonarda e quello parla in francese più o meno traballante, ma quando gli fanno le domande non risponde ‘Oui’, risponde ‘Sì’. Sì, capito? Italiano. IL PADRE DI LEONARDA PARLA ITALIANO. Dice che sono tutti nati in Italia. PURE LEONARDA. Ecco, non so voi, ma a me basta questo dettaglio per farmi saltare la mosca al naso.  Hollande, invece, va in conferenza stampa e: la ragazza può tornare, ma sola. SOLA (Ha quindici anni! Capisci che ti massacrano se ti dici una cosa del genere? Ma chi è il tuo consigliere, Ségolène Royal?) (Si dice che la grandezza di uno Statista si misuri anche in base alle persone di cui si circonda) (A-h-e-m).

 

 

Piazza d'Italia

Piazza d’Italia, capisci Gregory?

 

 

 

Tutto mi parla di te, o Italia. Alla Cinémathèque, che sono in crisi, autunno di grandi attrazioni con retrospettive su Bertolucci, i Coen (per vincere facile) e altra gente. Ah, e poi Pasolini e la mostra evento su Pasolini, che si chiama Pasolini Roma. Siccome i Francesi, che saranno musoni depressi cacacazzi libertini e tenuti in scacco da LEONARDA, sono anche sympa, hanno pensato di conciare per le feste le fermate di Rome (che sta a nord) e di Place d’Italie (che sta a sud). Place d’Italie è diventata per l’occasione Piazza d’Italia (big bang link: Corso di Francia a Roma che tutti chiamano Corso Francia, via Toledo a Napoli che tutti chiamano via Roma, o viceversa). E poi le foto di Pasolini, la Vespa, Anna Magnani, il lungotevere. Piazza d’Italia, capisci Gregory?

 

Hai voluto la metropoli, come vibra di vita vissuta la metropoli. C’è questo concerto a Villejuif, che sta fuori Parigi, ma sulla 7. Allora prendo l’autobus e scendo a Place d’Italie (che sta sulla 7). Poliziotti, carabinieri, esercito, pompieri. Tutto transennato. Scusi, ma che sta succedendo? No niente, CI SONO DEGLI OSTAGGI IN QUELLA BANCA. Ah, ok.

 

Il concerto è di Alex Beaupain (in Italia uno con quel cognome non diventava uno dei cantautori più promettenti della sua generazione) (in Italia non diventi, niente, mai), il quale Alex è sempre garrulo e buffo e ti fa fare sempre un sacco di risate tra una canzone depressa e l’altra, ma prima di lui c’era questa tipa, Claire Diterzi. Ora, non so voi, ma io sono abituato che gli artisti che vengono prima di quelli per cui hai pagato il biglietto sì ok che bello ma tra mezzora levati dalle palle. Claire Diterzi, vi sto lasciando il tempo per metabolizzare il nome. All’ingresso ci danno il foglietto, come A MESSA. Claire Diterzi, dice, ha passato un anno a Roma, alla Villa Médicis, totalmente pagata dal ministro della cultura, Frédéric Mitterand (sì, parente, di sinistra, dice, ma nel governo con Sarkozy) nell’ambito di un concorso a premi indetto dalla République (i dettagli sono nel foglietto che ho buttato), insomma non solo il disco e le canzoni ma soprattutto Claire è una matta sciroccata che, se non si capisse che un po’ ci marcia, avrebbe diritto alla patente di pazza precisa. Mi piace. Tanto che a un certo punto attacca la cover di 24mila baci, in italiano, con quella dolcissima cadenza che hanno solo le genti francofone che parlano italiano e io mi esalto, mi alzo in piedi e batto le mani e urlo LA SO LA SO, ma nessuno mi segue. D’altronde, si sa, i Francesi sono musoni, depressi e cacacazzi.

 

Ieri ho visto La vie d’Adèle di Abdellatif Kechiche. Per tutto il film i personaggi del film mangiano gli spaghetti col sugo. Col sugo e col parmesan. Il parmesan. Ora, voi siete fortunati che vedrete il film doppiato, ma io l’ho visto in originale. E quegli spaghetti, per tutto il film, sapete come li chiamano?, li chiamano SPAGHETTI BOLOGNAISE. Quindi a) allora è vero, è una dicitura che non era leggenda e b) il film mi ha deluso, facciamo due stelline su cinque ma solo perché Adèle Exarchopoulos, come dire, è brava.

 

 

karine-le-marchand-et-lilian-thuram

Una storia tremenda

 

C’è poi questa vicenda che mi fa venire le fitte al petto. Il tabloid Corriere.it ci si sarebbe buttato a pesce cambiando la home ogni dieci minuti. Lui è un calciatore, Lilian Thuram, ex Parma ed ex Juve, campione del mondo, leggenda ambulante ora paladino dei diritti di tutte le minoranze che ha scritto un libro (appena tradotto in Italia) e va in giro a farci illudere che no, il mondo non è quella merda che a tutti i costi vogliono farci credere. Lei è Karine Le Marchand, conduttrice tv di primissimo piano, star di M6 (come Italia 1 fosse concorrente di Canale 5 e facesse programmi da 6 milioni e il 30%) (LoL). Matrimonio felice, figli, bellezze e cose così. Un giorno lei va alla polizia e lo denuncia: Thuram mi ha aggredita, sbattendomi la testa tre volte contro il frigorifero. Sgomento. Thuram? Silenzio per dieci giorni. Poi Karine ritira la denuncia. Altro silenzio, stavolta lungo settimane. L’altro giorno Thuram va in tv e dice che non è vero niente, che lui è una persona perbene e mostra un sms di lei che minaccia di rovinarlo in tutti i modi. Tempo due giorni e lei dichiara di essere stata costretta a ritirare la prima denuncia e ne presenta un’altra per diffamazione. Uno dei due mente spudoratamente e questa non è una storia che finisce bene.

 

Poi sono tornato a casa, ho messo su Raitre e c’era Zoro in macchina col tassinaro, credo di aver riconosciuto la tangenziale est. La tangenziale est di Roma.

 

 

 

 

*Cronache transalpine a se stesseAlex Beaupain è buffo Claire Diterzi è quasi pazza precisaGli spaghetti bolognaise di AdèleHollande e il péril jeuneLa storiaccia di Lilian Thuram e Karine Le MarchandLeonarda e il padre di LeonardaOgni sei settimane ce ne sono due di vacanze

TuttoFaMedia • ottobre 22


Previous Post

Next Post

Comments

  1. marialuisa ottobre 22 - 21:05

    Ti ho bevuto d’un fiato…grazie…:-D
    Marialuisa

  2. Ryuko ottobre 22 - 22:51

    Io La vie d’Adèle l’ho visto in francese in una di quelle cose tipo “Cannes a Roma”, e in fila con me per entrare c’era tal Paolo Sorrentino mi dicono regista famosetto mi dicono stato anche lui a Cannes mi dicono al Quattro Fontane sicuro per rosicare, comunque anche a me mica è piaciuto così tanto.

  3. Ryuko ottobre 22 - 22:53

    Claire Diterzi ha un bacarozzo in bocca, comunque nemmeno questa è una storia che finisce bene.

  4. TuttoFaMedia ottobre 23 - 11:26

    *Dai, non facciamo finta di non sapere chi sia Sorrentino, che è bravo anche se possiamo discutere le ore di questa bravura

  5. Ryuko ottobre 23 - 13:46

    Ero ironica ;-) La grande bellezza l’ho visto due volte, La vie d’Adèle piuttosto mi faccio sparare.

  6. TuttoFaMedia ottobre 23 - 15:08

    *Ryuko: ah ecco, vedi, sto invecchiando, non avevo colto. Non ti va di rivedere tre ore di Spaghetti Bolognaise?

  7. Ryuko ottobre 23 - 15:59

    Ti dico solo che ero al cinema con un amico. All’ennesimo pranzo a casa di Adèle, quando Emma racconta BBBUTTANATE sul farlocco fidanzato agente immobiliare (ricordo male?), mi sporgo verso di lui candida tenera e innocente e gli sussurro: “Tutte queste scene mi stanno facendo venire fame”. Segue battuta scontata e zozza che non riporterò per il bene di questo blogghe.

  8. Ryuko ottobre 23 - 16:02

    Credo peraltro di essere andata un po’ OT.

  9. TuttoFaMedia ottobre 23 - 16:20

    *Tranquilla, su questo blog niente è OT (più o meno)

  10. Cronache transalpine a se stesse #2: Bella Ciao al Bataclan, Jeff Buckley, la torre del tredicesimo, la moria di hipsters, i turisti italiani con lo zainetto sul petto | TuttoFaMedia

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>