TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

Aggratis
5

Aggratis!

 

Molti anni fa, quando lavoravo alla Rai di Napoli, avevo la mia deliziosa routine fatta per esempio di treccine allo zucchero mangiate nel tragitto che mi portava da casa alla Rai di Napoli in maniche corte a gennaio, o di cartoncini con su scritto RAI da infilare per superare il tornello, o ancora di epici pranzi alla altrettanto epica MENSA della Rai di Napoli in cui, tra un fagiolino bollito male e una polpetta affogata nel sugo, capitava di incontrare gente come Belen e Ainett Stephens (o Silvia Graziani).

 

Roba che qualsiasi persona normale avrebbe appuntato sulla giacca come medaglie da raccontare ai nipoti ma io no. Io, per esempio, quando lavoravo alla Rai di Napoli e mangiavo alla MENSA della Rai di Napoli, non sognavo tanto di incontrare Belen e Ainett Stephens (o Marina Giordano), quanto di essere rapito da Simonetta Martone e Gregorio Paolini e portato in un luogo fatato in cui avremmo ideato tutto il giorno nuovi e splendidi format televisivi, e nelle pause discusso di Camera Cafè, Ultimo Minuto, Les enfants de la télé, Target, Colpo di fulmine, e magari anche parlato male del mio capo di allora che sicuramente stava sulle scatole anche a loro. Ma tutto ciò non è mai accaduto. La vita è ingiusta. D’altronde, Simonetta Martone non va più in video, Alex Ferguson ha lasciato il calcio e la seconda puntata di Aggratis ha fatto il 3,93%.

 

 

Aggratis

 

 

 

 

Partiamo da un dettaglio. Aggratis segna il ritorno alla tv con la cartelletta. I conduttori Canino e Francini non ostentano l’iPad o altre cose che si toccano con un dito, magari muovendosi in uno studio che non esiste. Piuttosto che leggere il gobbo (e farsi sgamare), se proprio sfugge qualcosa (più Francini che Canino), preferiscono invece leggere da uno dei simboli della tv degli anni passati (gli anni felici?).

 

Aggratis è un varietà di comicità leggera, di quelli che si portavano una volta, ma con dettagli che ne sanciscono il tentativo di upgrade. Non parlo tanto dell’ormai immancabile twitter (per altro ben declinato nella brillante idea del telethon, che ha ampi margini di miglioramento), quanto di altri elementi di grammatica e di spirito. Le riprese aeree della Rai in esterno notte (che fanno molto tv americana), i brevi corti a introduzione dei comici, quell’atteggiamento da “prendo maledettamente sul serio cose di cui non me ne frega un cazzo” applicato per esempio alla pornostar o alla rapper prodotta da quel cantante che non nominiamo.

 

Piuttosto, data la durata molto lunga del programma, la frantumazione della seconda e terza serata e l’impossibilità ormai certificata di mantenere alta l’attenzione (che non esiste più), Aggratis soffre per un tono complessivamente uniforme. La totale appartenenza di genere, di per sé positiva in quanto riconoscibile,e che forse andava bene dieci anni fa, nuoce ad alcuni blocchi della scaletta, che avrebbero bisogno di passaggi ancora più bruschi, di sporcature, di innesti provenienti da altri mondi e da altri gusti magari abbassati di decibel (che ne so, un’esibizione live di questo o quel gruppo indie sul tetto della Rai, o qualsiasi altra cosa possa davvero far alzare la testa a quei fanatici del secondo schermo o far rimanere quelli che nel frattempo hanno finito il giro di 800 canali). Ad ogni modo, la struttura è definita, le idee non mancano e ci sarà tempo per risollevarsi da quel plumbeo e immeritato 3,93%. In bocca al lupo.

 

***

 

A proposito: Cosmo (25-4-2011)

 

La recensione di Aggratis!Volevo essere rapito da Simonetta Martone e Gregorio Paolini

TuttoFaMedia • maggio 8


Previous Post

Next Post

Comments

  1. L. maggio 8 - 18:46

    Io ho visto solo la prima puntata, ma evidentemente di un programma diverso… :)
    (Vabbé il pilota, vabbé rodarsi, ma ho visto cose imbarazzanti)

  2. TuttoFaMedia maggio 8 - 18:54

    *L: io invece ho visto solo la seconda :) a questo punto dovrei recuperare la prima, magari riscrivo tutto daccapo. A parte gli scherzi, l’ho trovato molto tradizionale, senza particolari picchi né in un senso né nell’altro. Certi programmi, se dietro c’è gente che sa fare tv e non ‘gente che passa da un terrazzo’, hanno bisogno di crescere. Ma oggi la tv può permettersi questo lusso? E poi: pubblico e critica fanno bene a non avere più pazienza?

  3. S. maggio 8 - 20:25

    A me la prima puntata ha fatto un po’ tristezza. Ma poi davvero hai lavorato alla rai di napoli? Io vivevo lì vicino! Cose di pazzi.

  4. Davide maggio 8 - 22:32

    Non dimenticherei “Indovina chi viene a cena”.

    Come L. qui sopra, anch’io ho visto solo parte della prima puntata, e m’è sembrata una schifezza invereconda. Un programma di comici imbarazzanti di Raidue come ne abbiamo visti tanti (troppi), sempre con un titolo diverso (e stando all’interno della factory, citerei anche il non rimpianto Tintoria che andava su Raitre). La differenza è la spocchia che ammanta tutto quanto.

    Però son contento di non essere d’accordo con quello che scrivi, per una volta :) (e vorrei dire che vedrò un’altra puntata per ricredermi ma no, credo proprio non lo farò)

    eph.

  5. TuttoFaMedia maggio 9 - 11:06

    Postilla: è vero, non ho usato toni esasperati e urlati ma non mi pare di essere stato così tenero o di aver scritto parole entusiaste sul programma. Anzi.

    *S: io abitavo a pochi minuti a piedi dalla Rai di Napoli :)

    *Davide: al di là di tutto (e sono d’accordo sul bello di non essere d’accordo), a me è parso proprio il tentativo di non fare il solito programma di comici, che infatti a volte sono quasi in secondo piano. E poi non ho visto spocchia, anzi se c’è una cosa che funziona è proprio la distanza ironica che ci mettono Canino e Francini. O forse stiamo solo comunicando da due universi paralleli

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>