TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

La Mestizia
6

La Signora Mestizia

 

La Mestizia

 

 

Potrei dire molte cose a proposito di questa foto a bassa risoluzione che ritrae Pierluigi Bersani a colloquio con Vito Crimi e Roberta Lombardi. Potrei dare la stura a un crudo dibattito partendo da foschi interrogativi quali “Ma non erano forse meglio i vecchi Politburi?” o “Ma che ci fa uno degli osservatori calvi di Fringe là dentro?”. Potrei rispolverare i miei inutili studi di sociologia citando a muzzo Ervin Goffman e ribadendo con sfinito sfinimento che sì, Joshua Meyrowitz aveva capito tutto (qui siamo davvero oltre il No sense of place). Potrei riprendere in mano quella tesina fatta per l’esame di Maurizio Costanzo in cui iniziavo un paragrafo affermando che “Il piede di Marina La Rosa è la Nuova Avanguardia”.

 

E invece vorrei soffermarmi su quella signora seduta in seconda fila. Quella col golfino color verde spento, gli stivali neri, il foulard sfrangiato e le spalle a penzoloni. Non so chi sia quella signora (e non lo voglio sapere, quindi non ditemelo). So però che se dovessi sintetizzare in una parola la prima cosa che ho pensato vedendo la foto, questa parola sarebbe: Mestizia. La Signora Mestizia, freezata in uno dei momenti chiave della nostra democrazia a lume di candela, rappresenta, fuor d’iperbole, me, te, noi, voi: tutti, costretti a sopportare il peso di una croce che peraltro non avevamo chiesto di portare.

 

Una Signora Mestizia, nel dover assistere al nuovo hobby personale di questi miracolati, amatoriali, dilettanti, immaturi, gente sprovvista di ogni minima legittimità per tenerci così, in ostaggio. Una Signora Mestizia, nello scoprire che una decina di milioni di persone, convinte di votare il cambiamento, hanno votato la cosa più réac e fuori moda che ci sia: Vogliamo l’impossibile, gridava qualcuno nelle strade parecchi decenni fa. Vogliamo l’impossibile, un governo 100% 5 stelle, gridano oggi questi signori telecomandati, cui forse non basterebbe nemmeno un accelerato assimil d’ungherese per capire realmente il senso delle loro stesse fregnacce. Una Signora Mestizia che è anche il malcapitato Pierluigi Bersani, suo malgrado ridotto a clochard, costretto a chiedere l’elemosina a destra e casaleggio. Come se questa elemosina, tra l’altro, fosse un piacere squisitamente personale da rendere a lui e non al Paese intero, ormai liso stivaletto incapace di reagire all’ennesimo incubo che inghiotte se stesso.

 

‘Governo ponte giusto il tempo di fare le riforme’, ‘Governo del Presidente’, nuove elezioni. Finirà come finirà, ma una cosa è certa: noi non la dimenticheremo mai, questa Signora Mestizia.

 

 

Avanguardia Marina La RosaChe ci fa uno degli osservatori di Fringe là dentro?Democrazia a lume di candela copyright tieffemminoLa Signora MestiziaMeyrowitz aveva capito tuttoNemmeno un assimil di ungherese vi bastaNon state mica facendo un dispetto a Bersani sciocche persone che non siete altro

TuttoFaMedia • marzo 27


Previous Post

Next Post

Comments

  1. marialuisa marzo 27 - 16:24

    Nico…veramente una tristezza infinita…e mi viene quasi da piangere…:-(
    Non ci meritiamo tutto questo!

  2. ali marzo 27 - 17:43

    A questo proposito ti linko il Buongiorno di oggi di Gramellini http://www.lastampa.it/2013/03/27/cultura/opinioni/buongiorno/la-casa-di-vetro-8fYflk36Lzl4p6aPJgVYrK/pagina.html
    Nelle ultime ore però anche l’ipocrita “licenziamento” in tronco del maestro Battiato citato qualche post fa è fuori dal mondo, ci si scandalizza solo più della verità (peraltro lui si riferiva in senso lato alla compravendita dei parlamentari, uomini o donne che fossero, non al mestiere più vecchio del mondo in senso letterale).

  3. shengo marzo 27 - 19:17

    È la foto di un’Italia che ha perso se stessa, perché a un bel momento si è trovata a dover rendere conto della propria italiezza all’Europa tutta, avendo smesso di essere la cernierina tra Mondo Civile e Incubo Rosso. Farci eterodirigere in nome di un piano strategico mondiale ci ha resi quasi orgogliosi di noi medesimi; l’eterodirezione in nome dei conti europei da far tornare è come la richiesta all’alunno svogliato di recuperare 4 materie al 9 di giugno. Morale? Gl’Italiani votarono chi urlava il NO più grosso a questa pretesa, poi hanno dato un 30% anche a chi diceva ni, ed ecco il bel risultato.

  4. yetbutaname marzo 27 - 20:19

    sono triste al cinquanta per cento
    l’altro cinquanta per cento è rassegnato
    ciao

  5. The day after marzo 28 - 14:56

    Cavolo l’osservatore di Fringe me l’ero perso. Meraviglioso.

  6. anna marzo 31 - 17:38

    “La cosa più triste che abbia visto” così commentavo io questa cosa…

    Mi sarebbe tanto piaciuto che Bersani, in un impeto di brutalità, prendesse a capocciate Crimi facendogli sanguinare il naso al grido “Hasta la victoria sempre”!

    Love
    Anna

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>