Commenta

sabato 9 giugno 2012

The We And The I, Michel Gondry


 

(The I) – Qualche anno fa lessi un libro di Edoardo Albinati che raccontava il percorso di un tram, il 19, da una parte all’altra di Roma. Questo libro, 19, appunto, mi è tornato in mente ieri sera, mentre ero seduto nella sala 500 del Forum des Images, a vedere The We and The I, film di Michel Gondry presentato a Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs.
Era passato circa un quarto d’ora e, a un certo punto, preciso come un lampo, questo ricordo (al plurale) è riaffiorato allontanandomi dal grande schermo, come a volte succede, non sempre per noia, e riportandomi, di carambola in carambola, a Roma, alle Prenestine, alle Casiline. Se qualcuno avesse piazzato una macchina da presa stretta sui miei occhi, nel buio della sala, avrebbe visto scorrere delle immagini: un autobus, un tram, Roma, New York, che differenza c’è? Poi però il tizio accanto a me, che puzzava nel modo in cui possono puzzare certi parigini vestiti a fighetti, si è messo a russare, ma forte proprio. E sono tornato a me stesso, prima, e al film, dopo.

 

 

 

 

 

 

(The Film) – Bronx. Ultimo giorno di scuola. Gli studenti recuperano i propri cellulari, requisiti all’ingresso, ed escono, se ne vanno. Alcuni di loro salgono su un autobus che li porterà a casa, a una festa, da qualche parte. Tre mesi senza vedere nessuno di voi, ci pensi? Sono adolescenti, e come tutti gli adolescenti urlano, ridono, fanno cose senza senso, sono sciocchi. Si prendono gioco degli altri passeggeri, fanno gruppo, fanno branco, ma sono appesi a un filo, e sembrano persi senza i loro cellulari. The We, il Caos, e poi l’autista, donna, nera, che ferma l’autobus per mangiare un trancio di pizza ananas e acciughe, le portiere che si aprono solo se le spingi, e intanto questo traghetto si svuota, viene sera, e la vita fa schifo. The I.

 

 

 

 

(The He) – Michel Gondry, “il più americano tra i registi francesi”, passa con disinvoltura da blockbuster come Green Hornet a piccoli film in cui la gente si addormenta o abbandona la sala. Oppure ci resta, fin oltre i titoli di coda. Michel Gondry lo puoi trovare al Pompidou, a fabbricare film sur place, o a New York, in un doposcuola del Bronx, a reclutare ragazzi per il Piccolo Film sul Bus. È uno che ammette tranquillamente di aver esagerato alcune scene di bullismo per fini cinematografici. Ma anche di aver scelto, di proposito, di rinunciare al Protagonista Unico per garantire a tutti gli attori-non-attori la stessa attenzione e la stessa visibilità: “Il mio obiettivo era innanzitutto far partecipare alcuni giovani a un progetto cinematografico, anche a costo di indebolire il film”.

 

Michel Gondry. Un attimo sei lì che parli dei suoi esperimenti social e l’attimo dopo lui è già sul set di L’écume des jours, tratto dal romanzo di Boris Vian, con Audrey Tautou, Romain Duris, Omar Sy e Léa Seydoux. Michel Gondry, quoi d’autre?

 

 

 

 

 

 

 

 


Commenti

  • DF 11 giugno 2012 - 09:13 #1

    Il 19 a volte lo prendo anche io…da Piazza Cinque Giornate a Piazza Ungheria….
    Fino a qualche anno fa però my best fried autobus era il 105: da Tor Pignattara a Termini :) per arrivare poi fino alla Sapienza – Facoltà di Scienze Umanistiche (che bordello) a piedi.
    Ti manca mai Roma? Io non potrei vivere altrove, anche se a Parigi ci ho lasciato un pezzetto di me…

  • Beatrice 11 giugno 2012 - 16:57 #2

    Il mio portone è di fronte la fermata del 19, lo dovrei leggere? :)

  • A 11 giugno 2012 - 22:32 #3

    Lo hai reso bene

  • TuttoFaMedia 13 giugno 2012 - 11:33 #4

    *DF: a volte mi manca come solo chi ci ha vissuto dieci anni può sapere

    *Beatrice: beh, la mia posizione in merito è: un libro non si rifiuta mai. Magari da Mel Book lo trovi a metà prezzo, chiedi alla signora del piano di sotto

    *A: ti ringrazio

Commenta

* Required

    lunedì 8 settembre 2014
  • La rivolta delle librerie contro Valérie Trierweilermerci2 François Mitterand, quando era presidente, ha fatto un po’ quello che ha voluto, tra le lenzuola. Cose che in confronto François Hollande è un uomo semplice, leggermente sovrappeso, che cambia montatura degli occhiali ogni quindici anni, senza grosse pretese se non quella di governare la Francia in un periodo molto complicato. Va bene, erano altri continua...