Commenta

domenica 24 giugno 2012

Meh futuristico


 

La domenica mattina i bambini e i ragazzini (e non solo) si alzano presto. Su Raidue, alle nove, c’è un programma fatto apposta per loro: BATTLE DANCE 55

 

 

Battle Dance 55, il programma in cui le gambe si muovono più veloci del suono!

 

 

Così (gulp!) esclama in apertura Alessandra Barzaghi, la conduttrice vestita di canottiera, jeans skinnissimi e tacco 16 (Alessandra Barzaghi era la tassa che doveva pagare Facchinetti quando stava in Rai) (O viceversa).

 

 

 

 

Battle Dance 55 è una sfida tra due crew che breakkano, reppano col labiale, ballano e, perché no, danzano. Palco circolare, pubblico sugli spalti a fare il tifo e tanta, tanta energia. Le crew sono eterogenee, ci sono ragazzi del ’92 “diciannove-ventanni” e dei bambini, evidentemente ancora non scolarizzati, “che abbiamo preso nella crew come nostri fratellini”. Le due crew di oggi si chiamano New Step (mi viene in mente la Newppy di Holly e Benji) e Seaside Attack! (disse Mila Hazuki). I Seaside si chiamano così perché vengono da Pomezia, a du’ metri dal mare.

 

 

 

 

La sfida inizia con i rispettivi cavalli di battaglia. No, non ci sono casette e non c’è Alessandra Celentano. Ma è come se da un momento all’altro dovesse arrivare la pubblicità. Pubblicità. I New Step portano uno stile innovativo, che mescola uno) quel tipo di ballo che fanno quando il ballerino si mette a testa in giù e gira come una trottola e due) il tip tap. “Abbiamo scelto il tip tap perché non c’entrava niente”. I Seaside Attack portano invece uno stile più uniforme, sai no, la strada. Ci sono tre settenni che incitano dei loro coetanei sugli spalti a fare macello (tra il pubblico anche una ragazza con un neonato in braccio) (il Moige la domenica mattina si alza tardi che sabato fa i bagordi come tutti, altrimenti avrebbe già chiamato l’Unicef).

 

Le prime note che i nostri amici sentono prima di salire sul palco sono quelle dei loro cuori che battono!

 

Alessandra Barzaghi introduce la sfida delle crew sullo stesso pezzo. Il pezzo è Tranne Te di Fabri Fibra (Rap Futuristico). “Mi ricordo che a scuola lo cantavamo tutti” “Beh, sì, all’inizio mi piaceva ma poi, sai, è diventato il tormentone dell’estate e m’ha annoiato” “In realtà il pezzo non c’entra molto con la nostra coreografica, ma gli daremo filo da torcere!”.

 

 

 

 

Nemmeno il tempo di uno YO che partono una serie di rubriche. Prima c’è ILENIA, una ballerina che fa lezioni di danza. Spiega la coreografia, conta i passi (cin, sè, settehotto) e poi invita il pubblico-da-casa a mandare i video con i loro balletti: vi vogliamo vedere ballare! Ciao da Ilenia! (Mi viene in mente UnoMania, un programma del ’92 su Italia Uno, il pomeriggio, con Federica Panicucci, Stefano Gallarini e Raffaella Corradini. C’erano Brian e Garrison che davano lezioni di danza al cast: e cin, e sè, e settehotto!).

 

Si torna in studio e Alessandra Barzaghi non si tiene più. È ora il momento dello SHAKE IT! Lo shake it funziona così: dalla regia fanno partire la musica-tipo-discoteca e tutti, anche il neonato di cui sopra, vanno sul palco a ballare. Come i pazzi. Tipo Please don’t go, vah. Lo shake it dura tipo una quarantina di secondi (Boncompagni avrebbe fatto quaranta minuti, minimo), al termine dei quali Alessandra Barzaghi, che sarebbe stata una perfetta ragazza di Non è la Rai, diciamolo, ha un fiatone che manco Lorella Cuccarini dopo 30 ore per la vita, insomma: l’ultima sfida è un Face to Face tra due membri delle rispettive crew.

 

(Unomania, Non è la Rai, Amici: questo Battle Dance 55 è il Portobello degli anni ’10. Al contrario).

 

È arrivato il momento dei saluti. Purtroppo non c’è il televoto ma “andate sulla pagina Facebook e votate, mi raccomando, basta solo un MI PIACE”. Sul nostro sito invece trovate le altre puntate. E per ora è tutto, ma ricordate:

 

 

A Battle Dance 55 non esistono sconfitti perché se partecipi hai già vinto!

 

 

 


Commenti

  • stefania 24 giugno 2012 - 12:14 #1

    insomma la versione di noantri di america’s best crew con il tizio di bayside school. hai presente?

  • iob 24 giugno 2012 - 12:55 #2

    brian e garrison che mi insegnavano la thriller dance da un televisore in bianco e nero nella mia cameretta!

  • Davide 24 giugno 2012 - 14:23 #3

    Alessandra Barzaghi è la figlia di Rosanna Mani, per cui credo sia una tassa che dovremo pagare per sempre, ovunque.

    (Unomania! Twin Clips!)

    eph.

  • furr 25 giugno 2012 - 00:17 #4

    meno male che la domenica mattina dormo, và.

  • TuttoFaMedia 25 giugno 2012 - 17:42 #5

    *Stefania: Mario Lopez. Ma ci sono anche lì i bimbini?

    *Tubbie: proprio loro, proprio quella

    *Davide: Twin Clips è stato a lungo il mio programma pomeridiano preferito. Mi dispiaceva quando uno perdeva dopo cinque o sei vittorie consecutive.

    *Furr: meno male sì

  • Davide 25 giugno 2012 - 18:38 #6

    Eh però io son sempre stato convinto che lo facessero perdere quando esaurivano i suoi video. Infatti quelli emergenti duravano solo una o due puntate perché non avevano video a sufficienza :-/

  • TuttoFaMedia 25 giugno 2012 - 18:43 #7

    *Davide: sì, c’era del marcio e del dolo, ma la soave Federica riusciva a farmi pensare ad altro, tipo: ma come farà ad avere i denti così bianchi?
    (Ricordo uno scontro fratricida Luca Carboni-Jovanotti, ma sono ricordi sempre più friabili)

  • stefania 27 giugno 2012 - 22:10 #8

    bambini un pò qua e là come in x-factor versione us!

  • enza 7 luglio 2012 - 08:22 #9

    come si fa a caricare il video????

  • TuttoFaMedia 7 luglio 2012 - 12:46 #10

    *Push your hands up!

  • eleonida faslliu nata per ballare 30 settembre 2013 - 16:28 #11

    la crew che mi è piaciuta di più sono i sckit boy’s hanno propio un gran talento complimenti.

    Alessandra vorrei tanto partecipare anche io, ma come si fa ad iscriversi ?
    se puoi rispondimi perfavore
    baci ELE :)

Commenta

* Required

    lunedì 8 settembre 2014
  • La rivolta delle librerie contro Valérie Trierweilermerci2 François Mitterand, quando era presidente, ha fatto un po’ quello che ha voluto, tra le lenzuola. Cose che in confronto François Hollande è un uomo semplice, leggermente sovrappeso, che cambia montatura degli occhiali ogni quindici anni, senza grosse pretese se non quella di governare la Francia in un periodo molto complicato. Va bene, erano altri continua...