TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

14

Gente chiamata Inquietudine

 

ministre
Presente quando a scuola iniziava il nuovo anno e ti dicevano che la vecchia professoressa, quella che non interrogava mai e non ti faceva mai fare niente perché incapace o pazza o tutt’e due, ecco, lei, era stata trasferita in un’altra scuola e ti veniva l’ansia perché quelli di quinta ti avevano detto che quella nuova invece era terribile, cattivissima, una stronza patentata con l’unico obiettivo di sterminare innocenti liceali? Ecco.

 

 

Le tre ministre qua sopra mi danno esattamente quel brivido là: come se fossero le nuove professoresse di Filosofia (Paola Severino), di Matematica (Elsa Fornero, guardate quella piega sulla fronte, foriera di due e tre che volano) e infine Lettere, latino, greco, TUTTO (Anna Maria Cancellieri).
(Aiuto).

 

Tornando alla convulsa giornata di ieri, note:

1) Mario Monti, un uomo chiamato Posapiano. Capace di stroncarti mortalmente con quella micidiale Flemma fatta di sillabe pronunciate ogni dieci minuti. E mentre tu cerchi di collegare il filo del discorso lui nel frattempo ha già scritto sei o sette progetti di legge (Oh, quando parla mi assale una stanchezza) (Anche adesso, lo sto ascoltando al Senato, mi sono assopito sei volte) (Hanno appena inquadrato Gianni Letta, stava dormendo della grossa: come biasimarlo)
2) Appena letta la listi di ministri, rispolverato il Topos Lostiano numero uno: e mo’ questi chi cazzo sono
3) Anna Maria Cancellieri in realtà è il recasting 2.0 di Tina Anselmi
4) Altro che Profumo e Passera, meno male che hanno chiuso il Bagaglino, altrimenti
5) L’inviata di Mentana ha cannato il cannabile: la lista la leggerà Marra (ma quando mai), abbiamo contato le sedie del Gran Salone delle Sedie: sono 12 (ma quando mai). Si chiamava Laura Perego, e Mentana l’ha spedita nello stesso scantinato degli orrori dove giace da sabato l’incolpevole Sardoni
6) A quanti in queste ore dicono che la formazione di questo governo non è stata democratica: siete in buona compagnia.
7) Questa non è una storia che finisce bene.

Anna Maria CancellieriElsa ForneroMario MontiPaola Severinopolitica

TuttoFaMedia • novembre 17


Previous Post

Next Post

Comments

  1. utente anonimo novembre 17 - 15:53

    Eh, su, a fare gli uccelli del malaugurio capaci tutti (sul faccio che poi ci si azzecchi di più, vabbè).

    Il Giornale titotola "Il governo dei secchioni" – in effetti, ma che c'è di male?

    Che Napolitano tratti Berlusconi come uno scolaro imbecille, mi diverte alquanto.

    Marta

  2. utente anonimo novembre 17 - 16:08

    Concordo sul "e questi chi cazzo sono?" che è in effetti la domanda che mi ha assalito tra un Ma come ti vesti e un Cortesie per gli ospiti. Napolitano che corregge con la matita rossa è un grande grandissimo epic win, comunque.
    Concordo soprattutto col tuo punto 7.

    Anna

  3. utente anonimo novembre 17 - 16:44

    La premessa "eh, su" voleva sottolineare l'uscita bonaria – mica ho detto che non piace nè a me, nè a te, ci ero rimasta male per il punto 7 (me lo concedi che un po' preannuncia sfighe, no?)

    io quando ho visto le 3 prof ho pensato: e berlusconi che prende(va) per il culo la Bindi in quanto cessa, ora che fa?

    Marta

  4. TuttoFaMedia novembre 17 - 17:02

    *Marta: non posso concedertelo in quanto non credo che una frase possa preannunciare sfiga. Senti come suona strano, una frase che preannuncia sfiga?
    Il punto 7 che hai preso sul personale tanto da rimanerci "male" (ma perché, poi? come quelli che vengono a insultarmi per aver parlato male del loro telefilm preferito, come ci fosse qualcosa di personale, boh) era una riflessione legata a due cose: a) il modo in cui questo governo si è formato, certamente irrituale e b) alle affermazioni allucinanti di quell'uomo.
    Vista da dove e da come la vedo io non induce all'ottimismo. Se tu sei convinta che le cose andranno bene alla luce dei dati attuali va benissimo, non ti darò della Folle Visionaria solo perché non condivido. La mia è una lettura fredda delle cose, una fotografia. L'ipotesi futura è chiaramente paradossale (ovvio che finisce bene, che vuol dire che non finisce bene, non significa niente) e da non prendere alla lettera. L'hai presa alla lettera e mi è dispiaciuto, visto che mi leggi da un bel po' e conosci toni, modi e contenuti di questo blog. Detto questo, amen e amici come prima.

    *Anna: o, a volerla vedere da un altro punto di vista, un AutoEpicFail ;)

  5. utente anonimo novembre 17 - 17:25

    Crozza lo sta già imitando come un robot.

    P.

  6. Grace83 novembre 17 - 17:26

    io conosco solo la Cancellieri e solo perchè ho vissuto a Bologna nell'ultimo anno. Mi sento un sacco ignorante, più del solito-
    (Tra l'altro oggi servizio del tg3, Monti che dice "ascoltate, non applaudite" e il senato applaude. Facepalm.)

  7. utente anonimo novembre 17 - 17:44

    @ TFM: in effetti il termine "rimanerci male" non è molto corretto.Non dovrei commentare di fretta dal lavoro nel mezzo di altre cose – poi le scelte di vocaboli lasciano a desiderare, evidentemente. [Eppure qualcosa di vero c'è, quando si parla di politica c'è sempre un mescolamento di speranze, di fiducia e a volte di odio/amore che fan prendere giudizi legittimi sul personale - ma è un altro discorso.]

    Forse è solo che vorrei sperare che la serietà porti a dei risultati quantificabili (=finisce bene =  l'economia regge) – poi mi ricordo chi ha la maggioranza al senato e la vedo male anch'io (= governo bloccato per qualche mese – Monti lascia – e poi? Falliamo? Risorgiamo? Elezioni?). Poi penso che alle elezioni non ci possiamo andare, e allora torno a cercare di crederci, che ce la possa fare.

    Detto questo, amen e amici come prima

    Marta

  8. yetbutaname novembre 17 - 19:42

    7
    ma non prima di averci staffilato
    ciao

  9. Virginiamanda novembre 17 - 20:06

    Però le prof cattive, quelle che arrivano dopo anni passati a lanciarsi gli aereini di carta, che ti interrogano a sorpresa o tre giorni di fila gli ultimi tre giorni dell'anno scolastico (true story) sono quelle che odi subito ma rivaluti dopo.
    E se fosse così?
    E se ci insegnassero un sacco di cose che ci ricorderemo tra qualche anno? Io i semideponenti non li ho più dimenticati, per dire.

  10. utente anonimo novembre 17 - 20:45

    quoto virginia

    le prof più bastarde sono quelle che ex-post ricordo con più stima ed affetto.
    e soprattutto con gratitudine.

    purtroppo per la mia indole, questo governo è decisamente troppo filo cattolico. però rilancio con un consiglio di serra: se le parole e la squadra di monti non vi hanno convinto e vi lasciano inquieto andatevi a vedervi questo:
    http://www.youtube.com/watch?v=WXf-YbsSh0Y&feature=related
    son poco più che 3 minuti vale la pena guardarseli tutti.
    poi provate a fare un confronto tra i ministri di monti e quelli di berlusconi e vedete se 9 su 10 non c'è stato un lento miglioramento.

    magari non lo farà, però potrebbe finire anche bene (:

    lmb

  11. liga46 novembre 17 - 22:09

    @Grace
    eh ma i parlamentari son sempre quelli. Grulli erano e grulli sono.

    @TFM
    Ti rassicuro, la Sardoni e viva e fuori dallo scantitato :)

  12. TuttoFaMedia novembre 18 - 19:21

    *P: devo dire che per la prima volta dopo secoli ho riso con Crozza.

    *Grace: e che ne dici? In generale si parla bene della Cancellieri

    *Marta: questa gente di sicuro sembra gente seria, perciò, io spero proprio che tu abbia ragione :)

    *Virgh&Imdb: il sottotesto delle prof cattive era esattamente quello ;)

    *Liga: diciamo che era uno scantinato ipotetico. L'importante è che stia bene

  13. Grace83 novembre 18 - 21:51

    So che a Bologna, non avendo nulla da perdere, ha preso anche decisioni impopolari ma che hanno fatto bene alla città.
    Confermo quindi il "se ne parla bene" :)

  14. utente anonimo novembre 19 - 00:39

    Fa molto italiano dirtelo, ma sei un GENIO. 

    ndr

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>