TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

2

Il Panellaro

 
Voce del verbo “panelle”: frittelle di farina di ceci, sono una delle specialità gastronomiche da strada palermitane. Nate durante la dominazione araba, risalgono al IX secolo. Preparate con farina di ceci, acqua e sale e l’eventuale aggiunta di prezzemolo, le panelle solitamente si mangiano in mezzo a panini con sesamo, rotondi e morbidi, spesso accompagnate con crocchè di patate.  (wikipedia).panepanelle Pane e panelle. Ci sono le panelle che compri nelle friggitorie, nei negozi, nei bar. E ci sono le panelle che compri dal panellaro.

Panellaro è cristiano che si muove con piccolo trabiccolo su ruote e gira la città. Po’ nomade e po’ stanziale, si ferma sempre in un punto ben preciso. Ogni panellaro infatti ha la sua zona, il suo “territorio”.

Panellaro è un’istituzione. Sta fuori dalle scuole. Fuori dagli uffici. In mezzo alla strada, se ipertrafficata ancor meglio. Panellaro è leggenda. Leggenda più diffusa riguardo panellaro è: panellaro cucina le panelle in una mega padella di olio bollente. Per ravvivare suddetto olio panellaro ha simpatica abitudine di sputarci dentro. Ecco cosa rende panelle di strada così “speciali e irresistibili”: sputazza arraggiata* di panellaro.

When i was adolescente andavo al liceo classico. La ricreazione era alle 11. Durava quindici minuti. Alle undici noi scendevamo e trovavamo amico nostro panellaro davanti scuola. Ci mettevamo in fila e tra scherzi frizzi e lazzi compravamo il nostro “pane e panelle”. Poi lo mangiavamo, qualcuno si fumava la sigaretta e tornavamo in classe. Di solito la quarta ora era la più drammatica. Il professore di greco si lamentava che non eravamo attenti e ci fregava minchia di Sofocle. Non è che ci fregava minchia, a me fregava eccome -Antigone!- solo che pane e panelle aveva corollario che si riproponeva. Insomma bisognava digerirla, quella frittura alle undici del mattino.

Io ero rimasto a panellaro che si leggeva il giornale di Sicilia e basta. E questo era il suo massimo di cultura. Il quale giornale di Sicilia serviva ovviamente per incartare il pane e panelle. Bene, ieri, passando da via Leonardo da Vinci, ho visto un panellaro fermo con trabiccolo a ruote pieno di panelle. Mi sono avvicinato. Panellaro stava discutendo di rigore sbagliato da Miccoli in Napoli-Palermo. Mentre discuteva con avventori ho visto che panellaro, dentro trabiccolo, aveva la televisione.

Quindi durante la mia assenza dalla città stirpe e specie di panellari si è evoluta: adesso mentre girano città in modalità nomade guardano la televisione. Ah, televisione era su canale 5. Barbara D’Urso. Anzi, le minne* di Barbara D’Urso.

——————————-
*arraggiata: letteralmente “arrabbiata”, usato in senso lato come “massiccia, potente”.
**minne: tette, bocce, puppe

(Post pubblicato, preciso preciso, il 20 gennaio 2010)

palermoremix estate 2011

TuttoFaMedia • agosto 8


Previous Post

Next Post

Comments

  1. utente anonimo agosto 8 - 21:09

    Tfm ti seguo sempre. Bravo pero’. Anna a

  2. Vlao agosto 17 - 15:32

    Sono appena tornato dalla Sicilia… e devo dirti che le panelle non sono affatto male, anche se in realtà non so dirti se erano con o senza sputo.

    Se restavo un'altra settimana mi ingrassavo come un maiale, tra arancini, iris, tonno, ricciole, cannoli, cassatine, granite, brioche etc etc etc…

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>