TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

24

“Il film che scriverà una pagina di storia del cinema italo-americano” (Rita Statte! Ivan Menga!)

 

La vita è proprio buffa. Un attimo prima ti crogioli nella tua Beata Ignoranza e un attimo dopo, invece, Sai. Io adesso So. E per questo motivo devo ringraziare il mio amico e attuale concittadino Arco, che nella sua provvida provvidenza mi ha segnalato un trailer, questo:


Dreamland, nella terra dei sogni, opera prima di Sebastiano Sandro Ravagnani, con attori del calibro di Ivano De Cristofaro, Jessica Resteghini, Rita Statte (!), Ivan Menga (!) e la partecipazione speciale di Tony Sperandeo (!) e Marco Balestri (!). Sì, lo so cosa state pensando: Marcello Macchia in arte Maccio Capatonda.

E invece no, è tutto vero, anzi verissimo, anzi “bellissimo film”. Lo dice Eleonora Daniele, e chi siamo noi per non credere alle Garrule Occhiaie di quella povera donna che si alza tutto l’inverno alle quattro del mattino?

Dreamland è ispirato alle vicende del noto bodybuilder Franco Columbu (!), amico fraterno di Arnold Schwarzenegger (qui i due amici fraterni fanno training in “beretta island”) (qui invece l’atteso incontro tra Ivano De Cristofaro e Franco Columbu: “un giorno di grande emozione per tutti noi che amiamo il culto del fisico”). La sinossi del film è di quelle che non si dimenticano: Un ex pugile vedovo e stimato da tutti spesso subisce angherie da più di una gang. Ma riconoscendo nel capo di una di queste il proprio figlio adottivo, decide di difenderlo e nel contempo di convertirlo alla lotta per i diritti umani e per una vita senza violenza.

Una vita senza violenza. Già. È un beffardo contrappasso, quello che il povero regista, Sebastiano Sandro, ha dovuto provare sulla propria pelle. Classe ’56, qui al debutto dietro la macchina da presa, già stimato autore televisivo, vincitore di un Telegatto per Sabato Al Circo (!), biografo ufficiale di Moira Orfei, insomma lui, negli ultimi mesi ha dovuto difendere con le unghie e con i denti questo progetto a cui tiene moltissimo: Dreamland, il “film che scriverà una pagina di storia del cinema italo-americano”.
Prima
un millantatore che millanta di aver scritto lui quest’opera d’arte (Risultato: querela e amarezza, “tanta amarezza”).
Poi, come se non bastasse, enormi problemi produttivi che hanno messo in discussione la realizzazione del film. Lo scorso ottobre Sandro Sebastiano ha dovuto rivolgere un accorato appello a Silvio Berlusconi in persona: Dreamland era stato escluso dai finanziamenti pubblici (primo dei non ammessi!) ma il film, dopo che è stato girato a Barletta e a Cinecittà, “ha la necessità di essere terminato tra Los Angeles e la città natale di Franco Columbu OLLOLAI in Sardegna“. L’appello terminava poi con parole più dure di un pugno nello stomaco: Darei la vita per salvare il mio film, persino la mia collezione Disney, il Telegatto e tutto ciò che sarà possibile dare!”

Ma tutto è bene quel che finisce bene. La collezione Disney e il Telegatto sono salvi. Qualcuno ci ha messo i soldi e il film uscirà finalmente nei migliori cinema il prossimo 8 luglio. Amici all’ascolto: so che non mi deluderete.

Tutti gli uomini hanno un dono: IO NON SO quale sia il mio.

cinemadi cosa cazzo stiamo parlandoDreamlandlol

TuttoFaMedia • giugno 7


Previous Post

Next Post

Comments

  1. yetbutaname giugno 7 - 16:18

    ma nemmeno il trailer, dopo aver sbirciato ai link
    se poi tu lo vedrai e ne sarai conquistato, potrei ripensarci
    ciao

  2. utente anonimo giugno 7 - 16:18

    Ti prego, dimmi che è solo un sogno.

    P.

  3. TuttoFaMedia giugno 7 - 16:28

    *Yet: no no, voglio lasciarti nel non-ripensamento (ma il trailer si vede, sì o ci sono i soliti problemi da Italia-Francia?)

    *P: sì, è un sogno, la Terra Dei Sogni

  4. utente anonimo giugno 7 - 16:57

    Alla fine ha detto "Al cinema" ?????

    Grazie Arco, grazie TFM. Ora an che io SO.

  5. yetbutaname giugno 7 - 18:02

    gua' che ti voglio bene e ho verificato
    il trailer è partito, c'è uno in moto
    ciao

  6. poggy giugno 7 - 21:02

    Io ho visto distrattamente la versione corta di questo trailer due o tre giorni fa e, per quanto avessi già commentato con un sonoro "MACCOSA" che è echeggiato in tutti i luoghi e in tutti i laghi, ora SO che quello non era che un debole riflesso di ciò che offre il trailer lungo. Figuriamoci il film!

    Comunque lo so che a questo punto è ridondante, ma per amor di completezza: http://www.youtube.com/watch?v=q-09c48COd8

  7. utente anonimo giugno 7 - 21:47

    pregusto il momento in cui ne parleranno da marzullo.

    furr

  8. paturniosa giugno 8 - 04:54

    o mamma! che attori intensi! che storia ben scritta!
    (muoro)

  9. utente anonimo giugno 8 - 10:15

    ma c'è anche la straordinaria Anna Pannocchia?? :)

  10. utente anonimo giugno 8 - 13:24

    che bello! non vedo l'ora di perdermelo!

    ilaria

  11. utente anonimo giugno 10 - 15:53

    LA STORIA SI RIPETE, CI SONO PERSONE DISPOSTE A METTERSI IN GIOCO E INVECE ALTRE DISPOSTE SOLO A GIUDICARE. COMPLIMENTI BELLA GENTE.

  12. TuttoFaMedia giugno 11 - 14:12

    *11: ma dai, non te la prendere. Il post era un Omaggio Affettuoso e Carino. Abbiamo molto apprezzato il Tentativo di rianimare il cinema italiano. Abbiamo un po' scherzato ma abbiamo anche fatto un po' di pubblicità al film, no? Speriamo che vada bene in sala. Incrociamo le dita!

  13. utente anonimo giugno 13 - 16:39

    Quindi per poter giudicare bisogna aver fatto un film urendo anche noi?
    Clem

  14. TuttoFaMedia giugno 13 - 22:00

    *Clem: no, dobbiamo metterci in gioco. Tu ti sei messo in gioco?

  15. utente anonimo giugno 14 - 11:03

    per un pubblico di analfabeti !

  16. utente anonimo giugno 15 - 15:33

    io voglio mettermi in gioco, mi chiamo Rita Stacce. 

  17. utente anonimo giugno 15 - 15:37

    Secondo me un film va visto prima di essere giudicato. Non mi piace fare la parte della pignola, ma temo che voi siate solo dei pressappochisti. 
    Un caro saluto

  18. paturniosa giugno 15 - 15:53

    Tieffeemmeeee! Sei un pressapochista e falso e vuoi solo il trono!
    PS: chiudi la porta che fa riscontro.

  19. TuttoFaMedia giugno 15 - 19:18

    *17: ma che abbiamo detto di male? Cosa? Dicci! abbiamo pure invitato ad andare al cinema, ma che dovevamo fare di più?

    *Pattie: ho chiuso, ma tu avvertimi sempre e dammi il Riscontro del Riscontro

  20. shanpu giugno 16 - 14:28

    non puoi scrivere OLLOLAI senza scrivere LOL

  21. utente anonimo luglio 2 - 01:56

    Io mi metto in gioco. Nei campi in cui so di riuscire. Mi metto in gioco e mi impegno. Non vado a perder tempo e soldi in qualcosa che non mi riesce. E se lo faccio, appena mi rendo conto che non sto riuscendo non mi ostino, cerco di riparare le falle e provo qualcos'altro. Mettersi in gioco significa anche tenere conto del fatto che si può perdere. E accettare le critiche. Altrimenti si finisce per fare la figura del David Soller di turno (se non sapete chi è cercatelo su Youtube).
    Nessuno ha criticato il film in sé fino ad ora, anche perché non è uscito nelle sale, e personalmente credo che andrò a vederlo perché tutto questo polveraio mi ha incuriosito. Però è stato criticato pesantemente il trailer perché, è obiettivo, è fatto con i piedi. E sono state anche criticate le manovre pubblicitarie, obiettivamente esagerate per un'opera del genere, che finiscono per sembrare ridicole, e quindi per remargli contro.
    Ora perché sto commento fiume? Perché mi innervosisce il buonismo diffuso oggi per cui alla minima critica salta su quello che risponde "Ah sì, non ti piace, provaci tu a farlo, gné gné". No, non ci provo io, perché SO che non sono in grado, ma ciò non mi toglie il diritto di critica personale. E non penso siano critiche offensive o aggressive, perché non si va a criticare la persona in sé, ma il risultato di una sola tra le diecimila azioni fatte da quella persona in tutta la sua vita. Mentre il "provaci tu", quello sì che è aggressivo, aggressivo e controproducente, dato che gela ogni possibilità di confronto, e dunque di miglioramento. Ok, ho finito. Scusate lo sfogo. Vado a fare un té, quello mi riesce :)

  22. utente anonimo luglio 6 - 10:59

    Questo ci ha i numeri per diventare il The Room italiano.
    Ah, Tieffé, visto che per Misfit ti ha già punito il SIGNORE IDDIO, ti sfido a vedere The Room di Tommy Wiseau. Voglio la recensione domani alle 4 sulla mia scrivania.
    Clem

  23. TuttoFaMedia luglio 6 - 12:39

    *Clem: ma quando è uscito? non ho voglia di cercare su google, dai!

  24. utente anonimo luglio 8 - 08:08

    Per tutti coloro che vogliono farsi del male:
    http://is.gd/VjJjGW
    e questa è una rece ironica di Doug Walker-The Nostalgia Critic (spoiler!) http://youtu.be/ocFumueZq0Y

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>