TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

14

Storie Maledette, Franca Leosini e gli efferati assassini che hanno perso la partita col destino

 

leosiniUna serie che continua nell’impegno di capire, dubitare, raccontare. Che prosegue nel tentativo di spiegare come le rischiose partite con il destino a volte si perdano. Ma, come anche sempre alto sia il prezzo di questa sconfitta (dal sito di Storie maledette, programma di Franca Leosini, Raitre)

Storie Maledette va in onda da undici stagioni. Nella mia vita avrò visto solo qualche puntata per intero, che io sinceramente le storie di ammazzatine, se sono vere, mi fanno arrizzare i carni e poi mi devo fare la camomilla doppia e non basta che comunque faccio i brutti sogni. Però quando ci casco, ci casco.

Inizia sempre per caso, l’inciampo su Franca Leosini, e puntualmente penso: che porcheria! che insensibilità! che inutile messa in piazza di gente con rotelle fuori posto! E poi, altrettanto puntualmente, finisco tutto arravugliato da questa signora, sedotto da discorsi tortuosi ma che seguono un filo preciso, ammaliato dai suoi sorrisi diabolici e dai suoi fogli A4 e i suoi appunti scritti a penna.

Franca Leosini, una donna cui i fans su Facebook dedicano teneri messaggi d’amore tipo “io ti adoro Franca! tu non cucinerai mai e poi mai polpette e non vivrai mai in un sovrano disordine ma io ti amoooooooo!!!!!!!!” o ancora  “Franca, sei una delle poche donne serie ed equilibrate, rigorose ed ortodosse ormai rimaste in tv”. Insomma lei, anni fa resa ancor più iper da Paola Cortellesi, Franca Leosini, una donna pronta a tutto, compreso *sfottere*, *puntare il dito*, *ridere in faccia a*, *ridicolizzare* efferati assassini e assassine evidentemente in grado di dedicarsi a fantasiosi usi di mattarelli, coltellazzi da cucina, punteruoli del ghiaccio, gente pronta ad accollarsi ergastoli sol perché “mio marito la faceva fuori dalla tazza” ma, allo stesso tempo, inermi animaletti di fronte a lei, Sua Leosinità.

(Sul serio, parliamone, ma è mai successo che qualche serial killer, stufo di essere umiliato davanti a milioni di persone, abbia fatto presente alla signora il proprio curriculum intitolato “Lei non sa chi sono io?“)

Per esempio, no, ieri sera, Franca Leosini aveva di fronte questa signora siciliana condannata all’ergastolo perché, secondo l’accusa, suo marito non voleva che lei giocasse al bingo e allora lei lo avrebbe ammazzato (“Ma questo è un movente?” Si è chiesta, ci ha chiesto, inchiodandoci alle nostre responsabilità, la signora siciliana), e insomma Franca Leosini era lì che non aspettava altro che beccare un’incongruenza, una falla, una sbadataggine dell’imputata per inchiodarla (“Ah! Eh no, signora mia! Lei qui ha dichiarato tutto il contrario! Perché? Eh? Perché!”) ma poi a un certo punto la signora siciliana ha cominciato a parlare di suo figlio, si è commossa, e un attimo prima che scoppiasse a piangere, la puntata, di botto, è finita. Così, a schiaffo, senza un perché. Come uno di quei film iraniani che vincono a Cannes e che tu vai al cinema tutto fiero e pronto a tirartela e sei lì che ti sforzi da morire di fartelo piacere, e i sottotitoli e tutto il resto, e poi a un certo punto, boom, il ragazzino iraniano sta attraversando la strada e il film finisce, nero, titoli, luci accese: cos’è, uno scherzo?

E così, mentre mi preparavo la camomilla extended version e il bollitore tardava a scattare, la mia mente ha cominciato a bombardarsi di domande, tipo: ma questi assassini o presunti tali (i tre gradi di giudizio!), cioè, ma come funziona, li chiama direttamente la Franca o è uno di quei momenti in cui si mettono in mezzo gli avvocati? Fanno prima le prove o si incontrano direttamente in studio per non disperdere il bello diretta? Ma soprattutto: perché, tu ergastolano che hai già avuto disgrazie e sofferenze dalla vita, accetti di andare dalla Leosini che quella ti tratta pure coi piedi?

Domande complicate: non ci ho dormito tutta la notte.

Franca Leosiniloltelevisione

TuttoFaMedia • marzo 27


Previous Post

Next Post

Comments

  1. yetbutaname marzo 27 - 15:59

    le pulsioni sono endogene, cari i miei assassini e Leosini
    e il movente vale meno dell'espediente
    stammi bene TFM e non guardare le brutte cose se niente ti ci obbliga 
    ciao

  2. utente anonimo marzo 27 - 21:05

    se va avanti da 11 anni dev'essere lei che li commissiona. un delitto fatto ad arte.
    ecco. pensaci intanto che bevi camomilla.

  3. utente anonimo marzo 27 - 21:10

    Undici stagioni alle 24 del sabato, sciapò alla Franca! A parte TFM, questa ha l'odiens di tutti i serial killer italiani, potenziali e no.

    P.

  4. utente anonimo marzo 28 - 11:31

    ah TFM come ti capisco..
    io la seguo da molto, per poi far fatica ad addormentarmi ogni volta, ma non rinuncio a guardarla, manco morta!!
    lascio perdere perfino il ballottaggio di ballando con le stelle, mi spiego???

    la leosini è una vedova nera a mio avviso, ha lo stesso fascino, ammalia coi suoi gessati squadrati ed il blocco spiralato, pagherei per poter zummare sui suoi appunti scritti in font gigantesco (x non usare gli occhiali immagino), sottolineati nei passaggi truci perfino con l'evidenziatore!!!

    baby

  5. utente anonimo marzo 28 - 15:25

    Non c'entra nulla con il post, ma essendo tu un (ex?) lost additto potrai apprezzare questo videuccio, che quando l'ho visto ho subito pensato al nostro tfm preferito: LOST spiegato in 3 minuti con dei post it: http://www.youtube.com/watch?v=-HWECQa23Cs&feature=player_embedded

    :) Anna

  6. TuttoFaMedia marzo 28 - 20:43

    *Yet: mi segno la frase del movente e l'espediente.

    *Moglie: no, lei non si sporca mica le mani con queste cose, al limite con l'evidenziatore

    *P: e meno male che è un programma di nicchia

    *Baby: sì sarebbe divertente vederla alle prese con la preparazione delle puntate

    *Anna: purtroppo vien da dire "ma quale ex" :) carino il video, quella data (25 maggio 2010) mi getta nella lostalgia più canaglia

  7. N1colesda marzo 28 - 20:55

    La Leosini ti ingarbuglia con la sua dialettica articolata ed eroica… Personalmente la trovo fantastica! che donna e che stile!
    e poi ammettiamolo è così umano lasciarsi affascinare dalle storie maledette…

  8. utente anonimo marzo 29 - 16:44

    Ancora ricordo l'intervista a quel folle di catena completamente rasato per metà volto e con capelli lunghi e barba nell'altra metà….. Che poi Garrone ci fece pure un film, terribile Signora mia!!
    Heleonor

  9. TuttoFaMedia marzo 29 - 18:06

    *heleonor: Primo Amore?

  10. utente anonimo marzo 29 - 19:49

    Come dimenticarlo??? Talmente malato che se non l’avessi visto “dal vero” non ci avrei creduto! E comunque in confronto il film e’ una passeggiata.

  11. utente anonimo marzo 29 - 20:36

    Ho dimenticato la firma:
    Heleonor

  12. utente anonimo marzo 29 - 20:55

    l’ho visto anche io… era il maniaco delle anoressiche.. quello forse era meglio evitarlo, era un esibizionista e basta. un folle che si compiaceva della sua devianza. invece i casi in cui la leosini cattura l’umanita’ del personaggio non sono male. fanno riflettere (oltre che non dormire)

    baby

  13. yetbutaname marzo 29 - 21:03

    TFM, troppo onore

  14. TuttoFaMedia marzo 30 - 13:42

    *Yet: meritato, fidati

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>