TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

6

La sindrome “Shondona Rhimes” la fa da padrona: gli Ok Go provano a stupire con l’ennesimo video

 

Dicesi “Sindrome Shondona Rhimes” quella tendenza artistica per cui, una volta che provochi uno shock di qualsiasi tipo al pubblico, la volta dopo devi alzare la posta in gioco per scioccarlo ancora di più, e via andare, di shock in shock, fino al redde rationem finale: l’apocalisse.

Esempio? Esempio. Se in un telefilm fai morire la tua heroina protagonista e poi la fai resuscitare, la volta dopo dovrai farne morire due, poi quattro, poi otto, poi sedici, e sempre per multipli di due, con varie sfumature di RESURREZIONI, scambi di persona, malati terminali and so on.

Gli Ok Go sono un gruppo musicale con un precisa cifra stilistica: siccome della loro musica nessuno se ne fotte, fanno dei video che rimangono ben impressi nelle fuggevoli menti del pubblico.
ok goIn principio fu “Here it goes again”, in cui i componenti del gruppo facevano delle coreografie su un tapis roulant (risultato: conosci gli Ok go? No. Come no! Quelli del tapis roulant! Ah certo! Quelli del tapis roulant!).
Poi venne il video di “This too shall pass”: in un unico piano sequenza vediamo cosa significa davvero l’espressione “effetto domino”. Una serie di azioni meccaniche che culminano in una secchiatona di vernice sulla band (Awesome! Da guardare, e della musica chi se ne frega).
Adesso, come dice Repubblica, arriva il video di “End Love”, riassunto in 4 minuti di duecento ore di registrazione, con 172mila accelerazioni (qualsiasi cosa voglia dire ciò). Deludente.

Ecco, la sindrome “Shondona Rhimes” ha una conseguenza inevitabile: se troppo tiri la corda, poi si spezza. Il giocattolo ti si ritorce contro. Esempio? Esempio. Se in un telefilm fai l’episodio che si merita il titolo di The Strage, e poi nella puntata dopo torni a occuparti di semplici appendicectomie allora no, non va bene.
Ok go, dopo il domino non potete fare il giochino di accelerare e decelerare! Che ci vuole! E poi l’hanno già fatto Madonna e Biagio Antonacci! Eddai!

in allegato: il video del domino e il video accelerato



music makes the peopleSindrome Shondona

TuttoFaMedia • giugno 20


Previous Post

Next Post

Comments

  1. Vlao giugno 20 - 10:34

    Li ho visti live a Ferrara come spalla dei Flaming Lips…

    http://www.kalporz.com/recensioni/flaminglips-fe-live.htm

    e facevano live il balletto del video A Million Ways. Sono dei pazzi… come i Flaming del resto…

    Il video nuovo pure io l'ho visto da Repubblica e non è un gran che… Sembrano i Teletubbies….
    Invece il video "domino" è clamoroso
    E' la prima volta che lo vedo… Grazie TFM!

  2. Vlao giugno 20 - 10:34

    Li ho visti live a Ferrara come spalla dei Flaming Lips…

    http://www.kalporz.com/recensioni/flaminglips-fe-live.htm

    e facevano live il balletto del video A Million Ways. Sono dei pazzi… come i Flaming del resto…

    Il video nuovo pure io l'ho visto da Repubblica e non è un gran che… Sembrano i Teletubbies….
    Invece il video "domino" è clamoroso
    E' la prima volta che lo vedo… Grazie TFM!

  3. TuttoFaMedia giugno 20 - 10:48

    *Vlao: allora
    1) viva sempre i flaming lips
    2) perché vengono tutti a ferrara? cos'ha ferrara che resto di mondo non ha?
    3) ok go e flaming lips assieme? ah!
    4) dopo il video del domino qualsiasi altra cosa è "meno"

  4. LaVostraProf giugno 20 - 12:56

    Grandioso: in questa piovosa giornata di inizio estate, la Prof ha ormai anche lei la sua band preferita :-P

  5. Falloppio giugno 20 - 18:18

    Pero' il balletto dei tapi roulant, a costo 0 e alla faccia di Scream di Michael Jackson e Janet con 7 milioni di dollari fecero il video piu' costoso….che pero' ora non me lo ricordo affatto.

    Insomma, va loro riconosciuto che almeno la prima idea era geniale.

  6. TuttoFaMedia giugno 20 - 23:28

    *Prof: quante soddisfazioni mi dai ;)

    *Falloppio: i primi due sono fenomenali, il terzo insomma ;)

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>