TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

11

Uno dei grandi “rimossi” italiani: gli articoli di Aldo Grasso sui telefilm in generale e sui teen-drama in particolare

 

avviso per chi sta a estero o su torre d’avorio: due sono le parole che vanno più di moda in questo periodo a italia.
una parola è: “vulnus”. questo decreto è un vulnus per la democrazia. il licenziamento di bigazzi è un vulnus per i carnivori. la presenza dei coldplay nella classifica di TFM sui dischi del decennio è un vulnus per le nostre orecchie. cose così.
l’altra parola che va tanto di moda a italia è: “rimosso”, usato come sostantivo e nel senso di: “cosa di cui non si parla ma che è lì, sotto gli occhi di tutti”.

bene. un grande rimosso della nostra vita sono gli articoli di aldo grasso dedicati ai telefilm americani ma soprattutto ai teendrama -sono un rimosso ma anche un vulnus per la nostra sensibilità. rimosso e vulnus: tieffemme è un tipo alla moda, ma s’era già capito-

questi articoli che aldo grasso scrive boh uno li legge e ogni volta fa la faccia che a napoli direbbero: ma veramente fai? ma veramente dici? sono articoli che:

a) sembrano scritti da un bambino delle elementari
b) hanno la grafia incerta di chi scrive con la mano sinistra
c) oppure da qualcun altro che però di mestiere fa boh il fisico nucleare
d) non dicono niente di nuovo

aldo grasso è fissato con i teen drama. prima dawson’s creek, poi o.c., ora gossip girl. le cose che scrive aldo grasso uno le legge e boh dice “sì vabbè sono cose che dicevamo sui forum dieci anni fa, quindi?“. che poi, a dirla tutta, quando aldo grasso scrive di teen drama mi piglia sempre un filo d’inquietudine.

oggi, su corriere.it, il Nostro si occupa di gossip girl e si interroga sulla possibile crisi creativa che potrebbe colpire il telefilm. tutti i teendrama, infatti e questa è la tesi, quando i protagonisti diventano grandi ed escono dal liceo, cadono in una “trappola drammaturgica” che poi si ripercuote sugli ascolti. l’articolo finisce così:

“La forza di «Gossip Girl» non sta tanto nel dar vita ad ascolti da record, quanto piuttosto nella capacità di generare discorso e commenti virali, anche grazie alle partecipazioni eccellenti, dalla geniale Lady Gaga (ex alunna NYU) a Hilary Duff.”

bòn. fine. ascolti da record? in che senso? cioè mettiamo che uno che legge il corriere non sappia nulla di gossip girl e di cose americane. legge ascolti da record e pensa: minchia faranno dieci milioni! anzi venti milioni! se sono da record! invece, se legge i blog farà la faccia di chi pensa: fa i record perché va in onda su cw che è una tv minuscola dove 3 milioni sono come dire 20 per la cbs! ah! ma questo aldo grasso non lo dice. e poi: ma si può concludere un articolo a quel modo? cioè è mai possibile che un articolo del corriere della sera a firma “aldo grasso” termini con le parole “hillary” e “duff”?

P.s. “geniale lady gaga”: aldo grasso, devi dirci qualche cosa?

ebbene sì sono polemicogiornalisti in prima lineatelefilm

TuttoFaMedia • marzo 11


Previous Post

Next Post

Comments

  1. IlariI marzo 11 - 15:10

    è verissimo. mi ricordo un suo commento su Lost 3 o 4(comunque abbastanza avanti, e naturalmente quando Rai2 la trasmetteva dopo quasi un anno) in cui diceva ancora cose tipo: il conflitto fede-scienza, l'isola come espiazione, i conflitti con le figure paterne..
    GG per me è diventato noiosa alla 4-5 puntata della 2 serie, ben prima del college. secondo me il suo problema è che gli attori sono pessimi e che è scontato.
    e cmq io sono campana e "ma veramente fai" è un'espressione fantastica!

  2. TuttoFaMedia marzo 11 - 17:37

    *no vabbè, i suoi articoli su lost ho smesso di leggerli, proprio

  3. utente anonimo marzo 11 - 17:53

    "oppure da qualcun altro che però di mestiere fa boh il fisico nucleare"

    Mbè che è sta discriminazione? Adesso uno che fa il fisico nucleare non può scrivere di telefilm in modo intelligente?
    Mmmmmmmmm.

    Giulia

  4. TuttoFaMedia marzo 12 - 12:50

    *Giulia: un fisico nucleare può parlare di telefilm in modo intelligente ma superficiale. si suppone infatti che un fisico nucleare non abbia le competenze per parlare in modo approfondito di "Telefilm". così come io, che sono uno sceneggiatore, si suppone che non abbia le competenze per parlare in modo approfondito di "fisica nucleare". Finiamola con questa idea che chiunque può parlare di film, telefilm e cose di cultura. Finiamola con "il gusto", parliamo di competenze.

  5. utente anonimo marzo 12 - 13:34

    la presenza dei coldplay nella classifica di TFM sui dischi del decennio non è un vulnus per le orecchie fortunatamente, perché alle orecchie non vi giungerá mai!
    Rimane tuttavia un bel vulnus per gli occhi.
    stiui

  6. utente anonimo marzo 12 - 14:02

    :P
    e vabbè allora se la metti così hai vinto te…io però da ingegnere straparlo di televisione senza avere le competenze ed è molto divertente.

  7. TuttoFaMedia marzo 12 - 14:24

    *Giulia: infatti anche io straparlo di fisica nucleare ed è divertentissimo :D
    hai mai visto the big bang theory? lì le due cose si fondono!

  8. utente anonimo marzo 12 - 15:17

    vabbé allora a me ignorami…tanto sono di Martorana io, no?
    stiui

  9. TuttoFaMedia marzo 12 - 15:21

    *Stiui: ti ignoravo perché tu non hai diritto a parlare di chris martin. c'è smell di conflitto di interessi, essendo tu la copia scaduta di isso (questo lo dico per le lettrici che mi chiedono sempre: ma cu minchia è 'stu stiui?)

  10. utente anonimo marzo 12 - 17:27

    In molti mi hanno suggerito di vederlo dicendomi che ci sarei andata a ruota, ergo non lo vedo.

    chris martin. c'è smell di conflitto di interessi, essendo tu la copia scaduta di isso.

    ahahahahahhahahhahahhahahhahahhah.

  11. TuttoFaMedia marzo 12 - 20:39

    *stiui, vedi ti sbertucciano.

    *10: ma chi sei?

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>