TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

3

Il Codacons *di nuovo* contro i Centri Dimagranti Sobrino. Magri come un grissino? Sì un grissino di cento kg

 
quando all’alba dello scorso decennio sbarcai in continent-ehm inda capitale che allora mi appariva immensa capitale piena di sole e di speranza e invece oggi sono tre anni che piove e non smette evah
dicevo due cose mi colpirono subito:
1) la feroce “guerra” cartellonistica dei partiti politici, in perenne faziosità da prima elementare anche fuori dai periodi elettorali
2) le pubblicità dei Centri Dimagranti Sobrino,il cui slogan, familiarissimo a tutti i romani e meridionali era: Maaaagri come un grissino!
sobrino01dai cartelloni alle televendite il passo fu breve. i centri sobrino divennero un cult. così come la testimonial dei centri Sobrino, cioè la moglie del dottor Sobrino che era il titolare del Centro Sobrino. Mariella Sobrino era una bonona tipo Jessica Rabbit messa lì apposta per farlo rizzare ai mariti che poi sganciavano facilmente i soldi alle mogli ciccione che volevano diventare “magre come un grissino”.

volevano, appunto. la gggente infatti cominciò a prendere delle sòle ehm fregature che a quanto pare non è vero che si può dimagrire di 20 kg in 20 giorni. sollecitata da varie associazioni di consumatori -che intanto per il nervoso continuavano a magnà e a ingrassà- si pronunciò addirittura l’antitrust che impose ai sobrino una rettifica dei messaggi ingannosi. era il 2002.

a poco a poco l’oblio inghiottì i centri dimagranti sobrino. sparirono i cartelloni. le pubblicità. le televendite. recentemente la moglie del dottor sobrino, mariella, è ricomparsa in tv da chiambretti a mostrare le proprie grazie e il proprio acume. e proprio in concomitanza con la popolarità su scala nazionale, i sobrino si son detti: ahò, perché non ci riproviamo? e infatti, da qualche tempo piccolissimo ammasso di strade piene di pozzanghere chiamato roma, è di nuovo pieno di cartelloni tipo questi:

sobri01

poteva il codacons stare con le mani in mano? no. infatti leggo su repubblica che il codacons ha presentato un *nuovo* esposto (sono passati otto anni, eh) all’Antitrust contro i Sobrino. aspettiamo -con ansia- il responso dell’Antitrust, nella persona dell’Antitrust che io non ho mai capito bene quali siano le 5 W dell’Antitrust -who, what, when, where e, soprattutto: perchè?-

p.s. in francia invece di arrivare a ‘ste buffonate che passano i decenni e tutto è *sempre uguale* tentano di lavorare alla causa. ogni -e sottolineo ogni- messaggio pubblicitario di prodotti alimentari calorici -dalla coca cola agli mms a mcdonald’s- sia in tv che sui giornali che ovunque è accompagnato da una semplice scritta:

 

“pour votre santè, pratiquez une activitè physique régulière”

e poi, soprattutto, non hanno programmi di cucina in cui spignattano da mattina a sera. giuro, mai visto un programma tv di *mangiare*. e infatti sono tutti magri. come un grissino. loro.
cose di franciacose di mondocose di romaebbene sì sono polemicoSobrinostorie di noi brava gente

TuttoFaMedia • gennaio 9


Previous Post

Next Post

Comments

  1. Watkin gennaio 9 - 15:04

    C’è una bellissima vignetta del New Yorker, credo degli anni ’50: mostra una strada di Parigi all’alba, con l’immancabile Tour Eiffel che spunta tra i tetti, e un cellulare della polizia che fa salire tutte le donne grasse e brutte.
    Mistero risolto.

  2. TuttoFaMedia gennaio 9 - 16:51

    *Watkin: ahah. beh allora facciamo lo mismo anche da noi e ci liberiamo dei sobr mio dio che orrore ino

  3. utente anonimo gennaio 11 - 10:55

    Condivido pienamente le considerazioni suesposte, in particola quella concernente la buffonata, purtroppo ciò che è maggiormente spiacevole e che si "gioca" con la salute facendo leva sull’insoddisfazione delle persone ed anche sull’ignoranza. Solo colui che è portato a soffermarsi un’attimo circa le metodologie applicate comprende che lo svolgimento è assoluamente privo di professionalità. Dal Toma che è un luminare in materia non ha la necessità di prodursi attraverso il marketing, solo perchè è un leale e reale professionista. Sarebbe il caso di sospendere l’attività e non aspettare le sentenze perchè intanto la gente continua ad essere raggirata.

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>