TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

34

Hollister a Roma Est: Dreaming California ma è subito amatriciana

 
ieri infausta decisione di trascorrere la domenica pomeriggio al centro commerciale roma est. ma ci sono cose che vanno fatte.
insomma solita transumanza di cittadinanza lazial-coatt-roman-famigliol-se famo du spaghi. i soliti negozi. in questi casi, oltre che farsi largo a suon di spallate tra le vecchie con il visone sintetico, ciò che conta è avere le idee chiare.
apple store. sì ieri è stata “la giornata mac”. entrare in un negozio mac è come quando da bambin-al primo piano. la apple come sapete è di california, no? insomma cosa vanno a piazzare quei furbacchioni di roma est proprio in front of negozio apple di california? negozio Hollister di -indovinate?- california! per chi non lo sapesse, Hollister è un brand di Abercrombie & Fitch, storico *negozio* di abbigliamento che manda in visibilio mondo intero e che da poco ha aperto un suo *punto vendita* a milano, provocando scene abbastanza isteriche.

hollister, che sta per hollister co quindi hco ha un target ben preciso: i 14-18enni. l’immagine inoltre “è ispirata all’abbigliamento casual SoCal, South California (così dice il sole24ore). benissimo. io tutte queste cose non le so quando esco dalla apple con la mia nuova tastiera slim wireless e, davanti al negozio hollister (v. foto) assisto a questa scena:

Hollister-store

seguendo una moda *abbastanza* diffusa nel mondo anglosassone, c’è un modello biondo occhi verdi in carne e ossa che sta lì, tutto nudo o quasi. infatti è abbigliato come un bagnino di baywatch. solo un boxer rosso e basta. ah, per i maschietti all’ascolto, no, pamela anderson non c’era. insomma bagnino di baywatch sta lì e sorride e basta. poi lo pagheranno, per sorridere e basta.  intanto tre adolescent* coi jeans a vita bassa e la frangetta si raccolgono la bava a vicenda. arriva una coppia di romani, marito e moglie. lei sta guidando il carrello del supermercato -usato come passeggino per gli acquisti degli altri negozi- a un certo punto vede bagnino bonazzo e sbanda cor carèllo. lui: ahò atènta, ma che cazzo fai? e lei, raccogliendosi bava a sua volta: no no gnente. poi, rivolta al truz-ehm marito fa: ma secondo te che è quel negozio? intanto guarda bagnino che continua a dispensare sorrisi e a ondeggiare quel tanto che basta a far muovere il ciuffo. moglie ovviamente spera che marito le dica di entrare a fare un giro. marito truzzo guarda bagnino, guarda interno di negozio tutto buio da cui esce strana musica, poi si volta verso la gelateria e fa: ahò c’ho un buco aho stomaco… annàmo va… sbrìgate che sur raccordo c’è casino.

insomma entro. è tutto buio.

tutto penombra. pare una festa *house* e/o una *dark* per scambisti. si capisce che target è giovinezza dal fatto che quando sei *molto* giovane ci vedi bene e ti muovi a istinto. io invece sbatto subito contro una signora di cinquantanni che in mano ha un sacchetto dell’oviesse e che anche lei non ci vede. insomma decido di fregarmene del buio e vado avanti, sognando california. dal nulla sbuca una ragazza con gli occhi a mandorla e mi fa:

WOZZAAAAAA

a me mi piglia una sincope e scappo.
faccio qualche altro metro in cui ci sono due luci per miracolo e mi imbatto in una straf-ehm in una ragazza bionda anche lei che mi guarda sbarra gli occhi e mi urla
WOZZAAAAAAAAAA
al che, visto che intanto mi sono calmato che c’erano le luci, capisco: mi stanno dicendo What’s up! Da cui Wozzup che però mi fa pensare a Bossari.
Ora. Secondo voi, quando cinque minuti fa stavi mangiando la pizza a taglio e hai le mani ancora unte di olio e poi entri in negozio di california HOLLISTER e le commesse PAZZE ti urlano in faccia WOZZAAAA tu, po’vero e inerte tieffemmino, che devi fare?

te ne vai.

cari amici di hollister, prima di decidere di paracadutarvi a centro commerciale romaest dovevate chiamare tieffemme. tieffemme vi avrebbe detto segreto: a roma, qualunque cosa tu faccia o dica o pensi, alla fine, sempre e comunque, emanerà odore di sugo e pancetta.

marchio hollister impiantato a roma: rigettoh!

cose di mondocose di romamagazinestorie di noi brava genteusa fa media

TuttoFaMedia • dicembre 28


Previous Post

Next Post

Comments

  1. yetbutaname dicembre 28 - 13:08

     salviettine detergenti in comoda confezione tascabile, su
    ed entri baldanzoso con le mani profumate
    ciao 

  2. TuttoFaMedia dicembre 28 - 19:57

    *Yet: detto anche io ce l’ho profumato :)

  3. utente anonimo gennaio 3 - 02:13

     la mia forte sensazione infatti è che chiuderanno presto
    hanno scambiato roma per altro… in fondo roma e francoforte (aperte in contemporanea) erano le due prime "location" dove l’inglese non è madre lingua. si prenderanno tanti di quegli schiaffoni (anche perchè oggi roma est era tutto SAAAAALDI! mentre da Hco, ovviamente, tutto a prezzo pieno, sognando california non si sconta

  4. TuttoFaMedia gennaio 4 - 11:11

    *3: Interessante la notizia che loro non si abbassano a fare i Saldi. Ma la gente comprava?

  5. utente anonimo gennaio 5 - 01:36

    comprava? certo che no. 
    la presenza di hollister a roma est secondo me si spiega con quattro semplici passaggi.

    - Hollister decide di aprire cinque-sei negozi in Italia – va da se che almeno uno a Roma ci scappa

    - Roma Est ha uno spazio enorme vuoto – la ex Upim – che è stato senza "occupante" per moltissimi mesi. Spazio così grande che al posto di Upim hanno aperto in due – Hollister e Combipel

    - A Porta di Roma, che sarebbe stato miliardi di volte meglio per moltissimi motivi – non c’è un buco libero, tanto meno uno della "taglia di Hollister"

    - L’ultimo passaggio è una mia congettura. Ovvero che Roma Est abbia fatto ponti d’oro perchè Hollister aprisse da loro. Con condizioni di affitto probabilmente molto favorevoli.

    Resta il fatto che Hollister a Roma Est stona, e da morire

  6. TuttoFaMedia gennaio 5 - 11:45

    *Mi sembra che la tua congettura abbia delle basi. Anche secondo me a Porta di Roma avrebbe stonato un po’ meno. Roma Est è decisamente più truzzo. Ma è una guerra tra truzzi :)

  7. utente anonimo gennaio 6 - 20:44

    ok!! ma qui siamo in italia e in italia a gennaio ci sono i saldi…
    quindi regola di mercato vuole i saldi anche da hollister!!!!
    chiaro!!!

  8. TuttoFaMedia gennaio 6 - 22:10

    *7: chiaro!

  9. utente anonimo gennaio 9 - 01:36

    e hollister evidentemente si sente di sfidare la regola di mercato
    nemmeno a milano abercrombie fa saldi – perchè è un flagship store e nessun negozio di quella "categoria" ne fa (ne i due in america, ne quello di londra, ne quello di tokyo)
    poi ovvio che il mercato decide chi resta aperto e chi chiude – ma non dipende solo dai saldi
    in UK ad esempio in tempo di saldi ti compri il forno a microonde a metà prezzo… qui da noi non è che trovi i saldi di saturn!

  10. TuttoFaMedia gennaio 9 - 16:46

    *9: mi hai fatto ridere, con il riferimento a Saturn :D

  11. utente anonimo gennaio 15 - 01:06

    3 = 5 = 9 = me! :-)

  12. utente anonimo gennaio 18 - 12:42

     la taglia piu’ grande ossia la xl e’ ridicola,puo’ entrare giusto ad un 14enne anoressico con le braccine di un t-rex!ci avete preso tutti x nani in italia?il negozio poi e’ buio non si vede e legge un cazzo.

  13. TuttoFaMedia gennaio 18 - 14:12

    * di solito però gli americani sono extra extra extra large. strano.

  14. utente anonimo gennaio 18 - 19:59

     a me la L va bene. e non sono un grissino.

    le uniche cose davvero attillate di hollister sono le camicie. se hai provato quelle allora si, anche la XL è stretta, è fatta per essere super aderente su un fisico assolutamente asciutto,

    maglie polo e felpe hanno la vestibilità di qualunque altra marca (ossia il doppio delle taglie anoressiche, quelle si, di Zara).

    i jeans vanno a misure americane e li comandano i pollici, quindi la larghezza non è un’opinione e capisco che non tutti entrino in una 36 US.

    3 = 5 = 9 = 13 :-P

  15. TuttoFaMedia gennaio 18 - 21:16

    *ma 36 us corrisponde a? tipo una 42???

  16. utente anonimo gennaio 19 - 15:22

     da quel che ho sempre saputo, per i pantaloni la taglia europea corrisponde a quella americana aumentata di 14

    quindi 36 US corrisponde a una 50 "nostra"

    da non confondere con le taglie spagnole (zara, bershka, puul & bear, massimo dutti etc) che sono ancora diverse.

    (sempre io)

  17. utente anonimo marzo 5 - 13:45

    Per quanto riguarda i saldi, posso dire che Hollister li fa, ovviamente si chiamano Clearance. Tali capi scontati vengono messi alla fine del negozio, e devo dire che sono molto interessanti. Ieri c'erano jeans a 19,90, felpe alla stessa cifra, magliette da 11,90, eccetera. Sulle taglie purtroppo la Abercrombie non punta sui buzziconi americani, ma ovviamente a gente più piacente e che possa indossare i suoi capi in modo meno ridicolo. A proposito, nonostante la diversity e l'impiego di lavoratori di colore e asiatici, Abercrombie è stata spesso bersaglio di dure critiche riguardanti il suo presunto razzismo negli USA. 
    Tornando ad Hollister: certamente tra una felpa in clearance Hollister ed una da H&M, Zara, Oviesse, Bershka Pull & Bear e altre zozzate varie scelgo la prima
    Buona giornata. 

  18. utente anonimo marzo 14 - 13:28

    Il fatto è che la clearance Hollister ha iniziato a farla un bel po' dopo l'avvio dei "saldi" ufficiali.

    A negozio appena inaugurato, inizio dei saldi, la gente ha trovato per diverse settimane solo merce a prezzo intero.

    E sarà lo stesso con i saldi estivi – quando tutti andranno in saldo – Hollister continuerà ad avere la propria clearance, dettata dai tempi delle proprie collezioni, e comunque mai l'intero negozio a prezzo scontato e mai cartelli che ti avvertano degli sconti, almeno non nei negozi europei, perchè altrimenti si rischia "di svalutare il carattere del marchio".

  19. utente anonimo marzo 22 - 01:35

    ma i matti che comprano pure a prezzo pieno ce stanno, assicurato

  20. utente anonimo aprile 1 - 15:27

    comunque non è che siano prezzi così esagerati. Almeno non come Abercrombie.
    E' risaputo che la moda appanni la vista sui prezzi…

  21. utente anonimo aprile 1 - 17:29

    i prezzi variano un po' a seconda dei prodotti
    magliette e polo ci si può stare, ma quando si passa alle felpe o ai giacconi le cose si fanno più complicate. le cose da uomo costano un po' più di quelle da donna. poi ok, costa parecchio meno di abercrombie & fitch ma non su tutto la qualità è identica (le polo di hollister ad esempio sono ai livelli di H&M)

  22. utente anonimo aprile 1 - 18:33

    a me hollister piace da morire, e mi dispiace che non ci sia nella mia città… il bello che caratterizza questo negozio è anche il what's up, poi io ho una S non sono anoressico perchè peso 63kg e ho 18 anni… per cui le taglie mi sembrano normnalissime, l'unica cosa su cui vi do ragione è il fatto dei saldi, purtroppo nelle location fuori dall'america fanno pochissimi sconti, e non nelle stagioni nostre dei saldi..

    resta il fatto che hollister è cool! :)

  23. TuttoFaMedia aprile 1 - 23:21

    *ma come mai all'improvviso tutti qua a parlare di hollister?

  24. utente anonimo settembre 2 - 09:45

    Secondo me Hollister a Roma non stona per niente….anzi…le collezioni sono molto carine, i materiali discreti e i prezzi molto più bassi di altre marche di minore qualità, e soprattutto se hanno deciso di aprire proprio a Roma, la decisione sarà emerse dopo ricerche di mercato ad hoc per studiare l'Italia intera….Ah, il target non è assolutamente quello che hai indicato te (14-18), e non so cosa te lo abbia fatto pensare….e poi, scusa se mi permetto, ma te a Roma Est il 28 dicembre….credevi di trovare i negozi vuoti :-) ??? Secondo me i centri commerciali di domenica e sotto le feste sono ASSOLUTAMENTE da evitare, non potevi aspettarti nulla di diverso da quello che hai trovato… Per concludere, non credo proprio chiuderà a breve….dato che la gente parte da tutto il Lazio per andare a comprare lì…e ti dirò, non vedo l'ora che apra anche Abercrombie!! 

  25. utente anonimo settembre 2 - 12:08

    …ma poi chi l'ha detto che Abercrombie e Hollister non fanno i saldi in America??? Io a Chicago quest'inverno ho comprato l'ira di Dio in saldo!!!! Ragazzi miei, informatevi bene prima di parlare……

  26. utente anonimo settembre 22 - 22:06

    …ma poi..perchè non ci sono i cartellini coi prezzi su nessun capo del negozio? …..avranno mica paura che la gente faccia come chi va nelle boutique di roberto cavalli a ' vedere e non toccare' ??? (giusto per spararsi due pose) ;) )  … 

  27. utente anonimo ottobre 1 - 11:20

    io ho 33 anni e sinceramente holliter e abercrombie mi piacciono da matti. Certo ho un po di pancetta e devo badare bene alle misure. I prezzi sono accessibili (più hollister) e sinceramente è un abbigliameto adatto a tutte le età bisogna saper comprare!

  28. utente anonimo gennaio 21 - 15:24

    Quanto costa una felpa di Hollister???

  29. utente anonimo gennaio 21 - 19:58

    Ciao vorrei sapere quanto costa un pantalone…e anche una felpa da hollister?

  30. TuttoFaMedia gennaio 21 - 20:17

    *Allora dunque la FELPA costa 157 euro SENZA SCONTI, il PANTALONE 399,99 ma se li prendi assieme ti fanno lo SCONTO, ma solo se sei magro o magra.
    Oh, quando vuoi chiedi pure eh non farti problemi!

  31. utente anonimo marzo 25 - 21:34

    non è assolutamente vero una felpa costa 50 euro e un pantalone 30 euro

  32. utente anonimo giugno 5 - 07:17

    Ma quanto vi sentite fighi nel parlare cosí ?
    Vorrei conoscere bene le vostre origini x capire da dove vi viene questo senso di frustrazione. Porta di Roma meglio di Roma est perchè meno coatto ? Ma Su che basi discutere ? Vergogna ,ma del resto da uno che cerca Apple cosa ci dovremmo aspettare ? Parla di coattiva e lui stesso è parte della massa amica della mela mah

  33. utente anonimo settembre 21 - 23:22

    è un negozio fichissimo, hollister di New York quello di roma credo sia uguale!!!!

  34. TuttoFaMedia settembre 22 - 08:37

    *Preciso!

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>