TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

14

Sul muro della mia stanza, proprio sopra al letto, c’è una crepa. Sottile sottile, ma c’è. L’ho seguita con il dito.

 Ho aperto gli occhi. Ho sbadigliato. Ho pensato Non me ne fotte niente, oggi voglio ascoltare musica con pianoforte e archi. Mi sono seduto sul letto. Ho incrociato le mani. Non ho pregato, no. Mi è venuto in mente Bill Murray nella locandina di Lost in translation. Ho guardato la mia tuta. Ho pensato Non…

Continua