TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

0

Meno male che sono un istrionico.

 
Ieri ho passato tutta la mattina a fare l‘allegro lavandaio: quattro maglioni di lana lavati a mano. Poi ho fatto le pulizie di casa, chè toccava a me. Cucina e bagno. Ho capito che il Bref non sgrassa bene come altre marche. L’ho anche scritto sulla lavagna in cucina, così me lo ricordo. Poi in corridoio ho incontrato la mia coinquilina, la Vispa. Ho detto Sai, ho fatto le pulizie! Lei mi ha guardato, ha inclinato il capo e ha detto Ah sì? Sai che odori di preservativo? Ho guardato le mie mani, ho detto E’ che a fare le pulizie in questa casa si rischiano tante malattie.Poi la sera sono uscito con alcuni amici di qualche lavoro fa. C’era anche la Vispa. Siamo andati in una pizzeria nel quartiere più sputtanato di Roma. Nessuno ci voleva andare. Però sta vicino casa. Donc. Ho parcheggiato al Verano. C’era una strana foschia di umidità. Ho pensato Saranno tutti ‘sti morti. Appena sceso dalla macchina mi si è avvicinato un tipo. Poteva essere straniero. Mi ha detto Ciao amico. Ho detto Sì, un attimo. Ho preso il portafogli. Avevo solo trenta centesimi, a pezzi da dieci e cinque e da due. Li ho presi in mano, ho fatto per contarli, lui mi si è avvicinato, ha sorriso e ha detto Non ti preoccupare, amico, non c’è problema. Ho alzato lo sguardo, ho pensato Cioè lui, questo simil-posteggiatore mi sta schifando in quanto senza-soldi? Ho preso le monetine e le ho rimesse nel portafogli. Il tipo ha girato i tacchi e se ne è andato.

Dentro la pizzeria. Di fronte a me due ragazzi. Uno, non proprio un adone, anzi discretamente cesso, ha detto, all’altro, discretamente gradevole ma abbastanza stolido: “Oh ma certo tu avrai un gran successone! Chissà quanto rimorchi! Mica sei come noi, come lui (e indica me, di fronte, intento a mangiare la mia pizza scamorza affumicata e speck e ad ascoltare la loro conversazione, fingendo di non ascoltare) o come me che non ne vediamo!!!” L’altro, sorridendo sotto i baffi, ha detto Che c’entra! La bellezza non è tutto nella vita. Prendi lui (e indica me, di fronte, intento a litigare con una fetta di speck che pareva de gomma, e ad ascoltare la loro conversazione, fingendo di non ascoltare), sono sicuro che rimorchia lo stesso, anzi rimorchia molto più di me. Uno che è bello alla fine stanca, lui (e indica me etc etc) magari no. Ho smesso di tagliare, ho fatto cadere le posate in modo rumoroso, li ho guardati in faccia, ho detto Prego?

Poi il non-adone di prima ha proposto di andare tutti da Pompi. Pompi è uno dei bar più famosi di Roma, dove fanno il tiramisù più buono di Roma. Ma io fino a quell’istante non avevo la minima idea di cosa fosse Pompi. Ma ho finto di conoscerlo lo stesso, non volevo apparire troppo sfigato. Visto che avevo la macchina, lui mi si è rivolto e mi ha detto Sai dov’è Pompi? Io detto Sì, lo so dov’è Pompi. Ma in effetti avrei dovuto dire No, non lo so dov’è Pompi. Per arrivarci infatti ci ho messo mezzora chè mi ero perso. Poi ci siamo ritrovati davanti a Pompi, e tutti abbiamo mangiato il tiramisù di Pompi. Una ragazza dopo aver inurgitato lo zabaione alla velocità della luce e, mentre si leccava un dito, ha detto Evviva Pompi!

Poi sono tornato a casa. La Vispa mi ha detto Sai che sei proprio un istrionico? Io ho detto Già. E mi sono messo a dormire.

Case di Romacose di romagetting into the swingprivato

TuttoFaMedia • febbraio 15


Previous Post

Next Post

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>