TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

3

500 euro per fare un film: e che ci vuole! Tutti a Venezia.

 
Gli Spettacoli di Repubblica rendono conto di questa notizia.
Al prossimo festival di Venezia sarà proiettato, durante la Settimana della critica, “La rieducazione”, film realizzato con soli 500 euro. I quattro registi, tutti della provincia di Roma, hanno girato senza sceneggiatura, con un canovaccio e poi andando a braccio, con attori non professionisti e con alcune imperfezioni (voci che si accavallavano etc.). La storia: un laureato è costretto a lavorare in un cantiere edile, tra operai rumeni, che all’inizio lo guardano come un intruso. Tema: il presente fatto di precariato e marginalità. Celebri i precedenti: Io sono un autarchico, che a Moretti costò 3 milioni di lire, e The Blair Witch Project, realizzato con 35mila dollari. Ecco la filiera produttiva:
a) 120 euro hard disk computer
b) 30 euro: scheda telecamera
c) 60 euro: cassette per riprese
d) 90 euro: spese generali
e)200 euro: benzina

Ilcuitotale, uditeudite, fa proprio 500 euro, non un cent di più non uno di meno. Miracoli della matematica. E di Repubblica.
Tutto bello, tutto figo. Due considerazioni a margine.
1) Come sostiene il produttore GianlucaArcopinto, ai 500 euro andrebbero aggiunti i costi per andare in sala, cioè il riversamento su pellicola, investimentochè rientra nell’ordine dei 40/50mila euro. Che ci vuole, hai trovato 500euro, vuoi che non riesci a trovarne 40mila, specie dopo essere andato a Venezia?
2) L’articolo omette una quaestio, -onis di vitale importanza per noi aspiranti&miseri lavoratori intellettuali. Ovvero: ma come è arrivato questo piccolo film da 500 euro a Venezia? Cioè, esiste un indirizzo del tipo “festival di Venezia casella postale etc” o è bastato mandare una mail al direttore della Mostra, del tipo “marcomuller@festival.it”? Sapete com’è: sarei molto curioso. Anche perchè, vistochè ci vuole così poco, l’anno prossimo a Venezia, alla settimana della critica (anche in concorso, volendo) ci voglio andare anche io. Ho già un soggetto (ma anche cinque o sei, tanto che ci vuole a scrivere un soggetto, poi vai a braccio, no?) fortissimo prontopronto. Il computer ce l’ho, telecamere e cassette pure, le spese generali non so cosa siano (devo cercare un attimo nel mio armadio) ma sono ottimista. Ecco, mi manca giusto una macchinaa capiente e poi posso andare a Venezia pur’io. Aspettatemi.

giornalisti in prima lineaprivatorecensioni

TuttoFaMedia • luglio 25


Previous Post

Next Post

Comments

  1. bluelines78 luglio 25 - 11:54

    Comunque vada…sarà un successo! ;)

  2. Virginiamanda settembre 20 - 18:43

    facciamo che tu mi dai 500 euro ed io ti faccio credere di vivere in un film? eh? do ut des (sai com’e', quando s’e’ a corto di mezzi…se non ci s’aiuta tra noi)

  3. TuttoFaMedia settembre 20 - 23:26

    Guarda che io il tuo blog lo leggo eh…guarda che quella che lavora adesso sei te…quindi vedi che devi da fà!

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>