TuttoFaMedia

L'essai, l'assai

3

Sicilia 2 #: ballerine e buttane

 
Ci sono gli stereotipi usati come fini e gli stereotipi usati come mezzi. E c’è Emma Dante, regista teatrale palermitana. ‘Mpalermu, Carnezzeria, Mishelle di Sant’Oliva, Vita mia. Finita la trilogia (più o meno, ne mancherebbe uno, ma tant’è) in quel di Roma, TFM può parlare. Grida, di dolore, di libertà. Sono soli, e sono liberi, o vorrebbero esserli. Esseri umani: stanno per arrendersi, forse.

“Era una bella donna la prima ballerina dell’Olympia di Parigi: alta, bionda, con la pelle liscia ca parìa di sita e soprattutto ‘ddà taliata c’avia, ca ti faceva addiventare nicu nicu…”
Alla fine dello spettacolo, una signora tutta borghesia (alta)&solarium si è lamentata con la cassiera (niente di meno): nemmeno una brochure che spiegasse lo spettacolo, dato lo strettissimo dialetto palermitano (anche TFM, a dire il vero, ha avuto qualche difficoltà). “Non si capiva niente!!! Così sono solo soldi buttati!!! Glielo devo dire, a mia figlia, che ha sbagliato a consigliarmi questo spettacolo”. Cara figlia della signora solarium, è TFM che ti scrive. Grazie. Grazie a te, la prossima volta, tua madre andrà altrove, non so dove, ma altrove, e mi basta saperlo. Quanto al dialetto, mi manchi: Mpalermu.

 

cose di siciliaEmma Dante

TuttoFaMedia • maggio 22


Previous Post

Next Post

Comments

  1. velenero maggio 22 - 11:31

    ma che cacchio s’aspettava la signora? :)

  2. TuttoFaMedia maggio 22 - 14:45

    Si aspettava una versione sottotitolata ;)

  3. velenero maggio 22 - 15:01

    ah! come temevo… quindi l’idiozia leghista ha contagiato anche i romani…!

Lascia un Commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>